Iniziativa in Lombardia

Futuri genitori, donate il sangue del cordone ombelicale

Di Nostrofiglio Redazione
mamma_neonato.180x120
20 febbraio 2009
“E’ un regalo prezioso per la cura di gravi malattie del sangue e lo sviluppo della ricerca scientifica:" lo sottolinea la campagna promossa dalla regione. Leggi come si diventa donatori.

Dona il sangue del cordone ombelicale. In altre parole, fai la conservazione delle cellule staminali per tutti i bambini e non solo per il tuo. In una banca pubblica e non privata, dunque gratis e non a pagamento. Lo chiede ai futuri genitori la campagna promossa nei giorni scorsi dalla regione Lombardia, a supporto di un progetto di ricerca della Fondazione Policlinico Mangiagalli e Fondazione Pliclinico San Matteo. “E’ un dono prezioso per la cura di gravi malattie del sangue e lo sviluppo della ricerca scientifica,” si legge nell’opuscolo, che nelle prossime settimane sarà distribuito negli ospedali lombardi, nei consultori, negli ambulatori dei medici di famiglia e dei pediatri, nelle scuole e università saranno distribuiti locandine e opuscoli per informare i futuri genitori.

 

  • Perché donare il sangue del cordone? Il sangue del cordone ombelicale (detto anche sangue placentare) è ricco di cellule staminali simili a quelle presenti nel midollo osseo. di gravi malattie del sangue e del sistema, come leucemie, linfomi, alcune forme di talassemia, alcuni tipi di immunodeficienza e alcune malattie metaboliche.

 

Donare il sangue del cordone ombelicale del proprio bambino rappresenta dunque un’importante possibilità di cura per chi è affetto da queste malattie. Inoltre aiuta la ricerca scientifica.

 

  • Si corrono dei rischi? Nessun rischio né per la mamma né per il bambino. Il sangue cordonale viene infatti raccolto dopo che il cordone è stato reciso e il bambino è già tra le braccia di mamma e papà.

 

  • A chi è destinato il sangue “placentare”? A chi ne ha bisogno (dunque, anche al proprio bambino) e risulta compatibile, nel caso in cui la neo mamma decida di procedere alla ‘donazione solidaristica’. Il sangue viene conservato da una banca pubblica che opera in un sistema di banche a livello internazionale. La donazione solidaristica è gratis.

 

Oppure il sangue può essere destinato a un familiare ammalato, in questo caso si parla di ‘donazione dedicata’. E' sempre gratuita.

 

Il sangue può essere destinato esclusivamente per uso personale del proprio bambino (si parla di ‘donazione a uso privato’ o autologa). In questo caso i costi sono a carico del richiedente. Attenzione: questo tipo di donazione non è raccomandata dalla comunità scientifica internazionale.

 

  • Come si diventa donatori? E’ semplice. I neo genitori devono prestare il proprio consenso informato alla donazione e comunicare i propri dati sanitari (anamnesi).

 

  • Ci sono dei casi in cui la donazione non è accettata? Sì, ci sono. In particolare: comportamenti a rischio che possono portare alla trasmissione di malattie con il sangue, gestazione inferiore alle 34 settimane, malformazioni congenite del feto, positività ai marcatori dell’epatite e dell’hiv.

 

I CONTATTI UTILI

  • Milano Cord Blood Bank, Fondazione Irccs, Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli e Regina Elena, tel: 02 55034050 – 4087

  • Pavia Cord Blood Bank, Fondazione Policlinico San Matteo, tel: 0382 55032321; email genetica medica@policlinico.mi.it.

 

Conservazione cellule staminali, quanto ne vale la pena? e 15 novembre, giornata mondiale del cordone ombelicale