Controlli

Gravidanza, tutte le visite da fare

ecografia_gravidanza
17 Luglio 2008
Prevenire è sempre meglio che curare. Soprattutto in gravidanza. Ecco allora quali sono le visite di controllo e gli esami consigliati durante le 40 settimane di gestazione, per cercare di ridurre i rischi per la futura mamma e il bambino.
Facebook Twitter More

Quante visite di controllo sono consigliate se la gravidanza non è a rischio?

La prima visita dovrebbe essere fatta tra la sesta e l’ottava settimana. Per il resto della gravidanza ci sono diverse scuole di pensiero.

Stefano Bianchi, professore associato di ginecologia-ostetricia dell’Università di Milano e primario all’Ospedale San Giuseppe di Milano, dice: “Consiglio di fare una seconda visita dopo la dodicesima settimana per rivalutare la donna alla fine del primo trimestre di gravidanza, una terza visita intorno a 22-26 settimane e poi mensilmente”.

Ogni mese è necessario ripetere alcuni esami del sangue: emocromo, transaminasi ed eventualmente unicemia e glicemia. Stessa cosa per l’esame delle urine.

“In assenza di rischi, tra la dodicesima settimana e la ventiduesima-ventiseiesima non è dunque necessario sottoporsi a visite ginecologiche,” continua Bianchi, sottolineando che “questo non è un periodo senza osservazione perché qui si concentrano gli accertamenti di diagnosi prenatale. Si possono fare il duo-test, la villocentesi o l’amniocentesi e si deve fare l’ecografia morfologica”.

Ogni mese è necessario ripetere alcuni esami del sangue: emocromo, transaminasi ed eventualmente unicemia e glicemia. Stessa cosa per l’esame delle urine.

(Consulenza medica: Stefano Bianchi, professore associato di ginecologia-ostetricia dell’Università di Milano e primario all’Ospedale San Giuseppe di Milano)

Leggi anche: Le visite da fare in gravidanza, ecografia biomedica e tampone