Viaggiare sicure - Prima parte

Incinta al volante? Certo

donna_volante
08 Luglio 2008
Posso ancora andare in auto al lavoro? Fino a quando posso volare? Se hai questi dubbi leggi i nostri consigli per viaggiare in sicurezza.
Facebook Twitter Google Plus More

Allacciati le cinture

All’inizio della gravidanza molte donne soffrono di nausea e spossatezza, sintomi che possono influenzare la capacità di concentrazione. Quindi se al mattino, se non ti senti bene, vai al lavoro con i mezzi pubblici. Anche se nelle ultime settimane di gravidanza può essere fastidioso, mettiti sempre le cinture di sicurezza. Solo così tu e il tuo bambino sarai al sicuro in caso di incidente. Studi hanno dimostrato che madre e bimbo allacciati hanno molte più possibilità di sopravvivenza molto superiore che senza cinture. Inoltre senza cinture allacciate c’è il rischio che la futura mamma in caso di urto vada a sbattere contro il volante e il rischio potrebbe essere quello del distacco della placenta, che può portare a contrazioni premature e all’aborto.

Tieni la cintura tra il seno e la pancia

Per essere protetta in modo ottimale dovresti tenere la parte di cintura di sicurezza che sta di traverso tra il seno e la pancia. La cintura orizzontale va invece inserita tra la pancia e le cosce, così facendo in caso di incidente la pressione si distribuisce in modo bilanciato sull'utero e il pancione viene risparmiato. Per evitare che la cintura di sicurezza scivoli avanti e indietro potete usare anche un piccolo cuscino. Ricordati di togliere sempre i vestiti da sotto la cintura, in questo modo eviti posizioni scomode.

Anche la futura mamma deve porre attenzione alla sua posizione in auto, tenendo lo schienale il più diritto possibile e evitando di stare molto vicina al volante. La cosa migliore è mantenere almeno 25 centimetri di distanza: così tu e il tuo bambino sarete protetti nel modo migliore in caso di incidente.

Da sola fino al sesto mese

Col passare delle settimane la pancia diventa sempre più tonda … e, siamo sincere, la libertà di movimento della futura mamma diminuisce sempre più. In determinate circostanze questo può portarti a reagire, in situazioni critiche, in modo meno pronto e flessibile. Se possibile, a partire dal sesto mese di gravidanza è meglio che ti faccia accompagnare in macchina da qualcuno, piuttosto che guidare da sola. È comunque più riposante e meno stressante che stare sedute dietro il volante: non solo per te, ma anche per il bimbo. Se non è possibile, almeno fatti accompagnare da un passeggero.

Con l’auto in vacanza

Se la gravidanza prosegue senza intralci, lunghi viaggi in auto non sono un problema. Non c’è nulla che possa impedire una bella vacanza. Tuttavia, se stai seduta a lungo e in modo scomodo aumenta il rischio di trombosi. Rischio che però diventa minimo seguendo alcune semplici regole. Durante il viaggio dovresti bere molto, soprattutto nei mesi estivi. Anche perché in auto c’è sempre qualche grado in più rispetto che all’esterno.

L’airbag non è un pericolo per il nascituro

Molto importante: fai pause frequenti. Alzandoti in piedi il bacino ritorna a irrorarsi di sangue, assicurando così la corretta ossigenazione al piccolo. E poi: respira in modo corretto. Immagazzina, se possibile, aria fresca nelle vicinanze di un prato o di un bosco a lato dell’autostrada. In questo modo non fai bene soltanto al tuo piccolo, ma anche a te.

In caso di incidente ...

  • Se resti coinvolta in un incidente, contatta il tuo ginecologo per fare subito una visita. Sappi comunque che il feto, nei primi sei mesi della gravidanza, è ben protetto dal liquido amniotico. Nell’ultimo trimestre, il piccolo è più esposto. Quindi anche se l’urto ti è sembrato debole e l’incidente innocuo, solo un medico può escludere in modo sicuro eventuali ferite del feto, della placenta o dell'utero.

  • È importante sapere che l’airbag non è pericoloso per il bambino. In caso di urto, l’airbag "scoppia" in direzione di testa e petto. È indifferente se sei al volante o se stai viaggiando come passeggera: l’airbag reagisce, in caso di scontro, prima della cintura di sicurezza facendo sì che questa non prema troppo forte a livello del pancione.

Potrebbe interessarti anche: