Nostrofiglio

Guida gravidanza

36 Trentaseiesima settimana di gravidanza

bmhd11

13 Ottobre 2015
Ecco che cosa succede al tuo corpo e al tuo bambino durante la trentaseiesima settimana di gravidanza. Con la consulenza scientifica della ginecologa Elisabetta Canitano, presidente dell'associazione onlus Vita di donna.

Facebook Twitter Google Plus More

Ecco che cosa succede al tuo corpo e al tuo bambino durante la trentaseiesima settimana di gravidanza. Con la consulenza scientifica della ginecologa Elisabetta Canitano, presidente dell'associazione onlus Vita di donna.

 

Consigli salute per la trentaseiesima settimana di gravidanza
Il tampone per lo streptococco 
Si tratta di un esame raccomandato a 36-37 settimane dalle Linee guida del Ministero della Salute, anche se non è inserito nel protocollo ministeriale delle prestazioni specialistiche di controllo, per cui non viene passato dal Servizio sanitario nazionale. Consiste nella ricerca, con un tampone vagino-rettale, dello streptococco beta-emolitico, un batterio innocuo per la mamma ma che al momento del parto potrebbe aggredire il bambino mentre transita nel canale vaginale, scatenando un’infezione.
 
Per scongiurare il pericolo, alle mamme portatrici (il 10-20 per cento delle donne incinte) durante il travaglio viene effettuata una profilassi anti-streptococco, che consiste nella somministrazione di un antibiotico specifico. In più, i neonati di mamme portatrici vengono sottoposti ad accurati controlli subito dopo la nascita, proprio per escludere che siano stati contagiati.
 
Attenzione: l'antibiotico va somministrato solo al momento del parto, mentre non occorre prenderlo prima, quando eventualmente si scopre di essere portatrici di streptococco beta emolitico. Non servirebbe a nulla (lo streptococco in vagina è del tutto innocuo) e anzi ci sarebbe il rischio di indurre il batterio a sviluppare una resistenza nei confronti dell’antibiotico. In questa eventualità, al momento del parto renderlo inoffensivo nei confronti del bambino può diventare difficile.
 
Il corredino Questo è anche il momento di accertarsi che sia tutto a posto per quanto riguarda il corredino, anche se si è sicure che nonni, zii e amici regaleranno tutine, golfini, copertine e body. Se è vero che non conviene esagerare, è altrettanto vero che alcuni indumenti-base serviranno anche subito dopo la nascita. In genere, l'ospedale fornisce un elenco degli indumenti richiesti.
 
Si tratta indicativamente di alcuni body di cotone (che hanno la duplice funzione di maglietta intima e mutandina “ferma-pannolino” ); qualche tutina di spugna o di cotone taglia 0-3 mesi; un paio di felpe o golfini; calzini; bavaglini; un paio di berrettini e un paio di copertine. Un acquisto sicuramente irrinunciabile è il seggiolino per l’auto, che la legge italiana impone e in cui il bambino va messo fin dai primi giorni di vita. Leggi anche: CORREDINO NEONATO, COSA SERVE

 

I GEMELLI? IN GENERE NASCONO PRIMA
L’organizzazione Mondiale della Sanità definisce pretermine un parto che avviene prima dell’inizio della 38esima settimana di gravidanza: è ovvio che tanto più si verifica in anticipo rispetto a quest’epoca, quanto più i bambini possono avere problemi ad adattarsi alla vita fuori dall’utero. Per quanto riguarda i gemelli, è vero che tendono a nascere 3 settimane prima rispetto alla media degli altri bambini (nel 30-50 per cento dei casi). È probabile che la responsabilità sia da attribuirsi al poco spazio di cui i due gemelli possono disporre verso il termine della gravidanza. Questo però non significa che non sia possibile che anche una gravidanza gemellare arrivi e superi le 38 settimane.

 

Il feto nella trentaseiesima settimana di gravidanza
Dorme molto nell’arco delle 24 ore per permettere al cervello di completare il suo sviluppo, favorito dal sonno. Se dovesse nascere, sopravvivrebbe quasi di sicuro autonomamente e sarebbe in grado di succhiare dal seno. Ora è lungo circa 46-48 centimetri e pesa circa 2800 grammi.