Nostrofiglio

gravidanza

Cesto nascita, cosa metterci dentro: tutti i consigli di un'esperta di baby shower

Di Eliana Albano
stroller-915928_640

12 Ottobre 2017
Come si realizza un cesto nascita? Quali sono i prodotti irrinunciabili e cosa invece sarebbe meglio evitare? Seguiamo i consigli di Giovanna Dubbini di Baby Shower Party
 

Facebook Twitter Google Plus More

Quando è in arrivo un bebè il dilemma di amici e parenti è sempre lo stesso: cosa regalare alla neo mamma? E’ meglio puntare su qualcosa di originale e a effetto, oppure è preferibile orientarsi verso qualcosa di veramente utile? Il cesto nascita è la soluzione in grado di conciliare tutte queste esigenze. Come ci spiega Giovanna Dubbini, una delle fondatrici di Baby Shower Party: «I cesti realizzati in occasione dell’arrivo di un bambino sono graziose confezioni regalo per la futura mamma, spesso realizzati in modo artigianale. Sono un dono molto gradito perché comprende prodotti che serviranno alla cura del nascituro. Lo stesso contenitore, graziosamente rivestito e addobbato, rappresenta un porta oggetti, elegante e funzionale, da tenere e conservare nella cameretta del bimbo».

 

COME REALIZZARLO

Per realizzare un cesto nascita non bisogna essere necessariamente delle esperte del fai da te, basta solo seguire qualche semplice indicazione pratica. «Realizzare un cesto nascita è molto semplice, basta un pochino di fantasia, un pizzico di creatività e di abilità manuale. Suggerisco di procedere buttando giù uno schizzo del prodotto da creare e di redigere la lista dei materiali occorrenti, così da avere tutto a disposizione. Per il contenitore base va benissimo la classica cesta in vimini, ma anche una capiente scatola di cartone, che andrebbe però foderata interamente. La stoffa per la copertura può essere di cotone ma anche di panno morbido, che conferisce una sensazione di maggiore tenerezza. Preparare anche gli inserti di stoffa da applicare: animali, cuori, pois o quello che più preferite. Se conosciuto, può essere aggiunto il nome del piccolo, da comporre con lettere in gomma crepla o fommy. Non dimenticare nastri, decorazioni e soprattutto gli strumenti indispensabili per lavorare: forbici, biadesivo e colla, meglio se a caldo. Una variante simpatica che proponiamo è quella di rivestire l’esterno della cesta con pannolini arrotolati», suggerisce Giovanna.

 

LA SCELTA DEL TEMA

Una volta preparata la base, è il momento di personalizzare la cesta. Come consiglia la manager di Baby Shower Party: «Fondamentale è la scelta del tema a cui si ispirerà tutta la confezione. Ad esempio, un tema floreale o marino sono perfetti per i mesi della primavera e dell’estate. Una soluzione forse più immediata ma sempre di grande effetto è quella di prendere come riferimento il sesso del nascituro: azzurro per un maschietto e rosa per una femminuccia. Per chi invece avesse dubbi o non conoscesse il sesso del bebè, allora via libera allo stile shabby, dove regna il colore bianco».

 

I PRODOTTI

Una volta che la cesta è pronta, arriva il momento di decidere cosa metterci dentro. Anche su questo il consiglio di Giovanna è chiaro: «Nella cesta vanno inclusi prodotti dedicati sia alla neomamma che al neonato. Come salviettine, detergenti neutri e creme delicate. Ma anche articoli di abbigliamento per il bebè: tutine, bavaglini, calzini, cappellini e piccoli asciugamani. Un’idea sempre gradita è quella del camicino della fortuna in lino o cotone bianco. Ma non dimentichiamo qualcosa anche per la mamma. Perché non pensare a un cofanetto con buoni da spendere dal parrucchiere o dall’estetista?».

 

DA EVITARE

Quando si realizza un cesto nascita è facile farsi prendere dall’entusiasmo e commettere qualche errore. «Assolutamente da evitare prodotti non in linea con il tema del cesto ma soprattutto ingombranti e non idonei al neonato, ogni articolo deve essere ben posizionato per un risultato esteticamente accattivante. Non includere alimenti e oggetti che possono essere più adatti per un battesimo, come cornici d’argento o gioielli», consigliano sempre da Baby Shower Party.

 

A CHI RIVOLGERSI

Se non si ha molto tempo o non si è particolarmente avvezze ai lavori artigianali ci si può sempre rivolgere ad agenzie specializzate come come quella di Giovanna Dubbini oppure a siti specializzati come Partycity o Babyshoweritaly.