Home Gravidanza

Terza settimana di gravidanza

di Niccolò De Rosa - 08.03.2021 - Scrivici

terza-settimana-di-gravidanza
Fonte: Shutterstock
Il concepimento ora è davvero avvenuto. Ecco come si sviluppa il feto e cosa accade al corpo della donna durante la terza settimana di gravidanza

In questo articolo

Terza settimana di gravidanza

Con la terza settimana di gravidanza si può dire che ha inizio il percorso vero e proprio della gravidanza e benché il feto sia ancora un embrione, alcune donne potrebbero già avvertire i primi sintomi e, di conseguenza, effettuare un test di gravidanza in grado di accertare lo stato interessante.

Quando fare il test di gravidanza?

Premesso che non esiste una tempistica standard per sottoporsi ad un test di gravidanza, di solito una donna può insospettirsi riguardo la propria condizione all'insorgere di alcune (o tutte) delle seguenti caratteristiche.

  • Eccessivo affaticamento
  • Nausea o maggiore sensibilità ad odori e sapori (spesso restandone infastidita)
  • Sonno profondo a fine giornata
  • Seno gonfio e/o pancia dura
  • Dolori simili a quelli dovuti al ciclo mestruale

Naturalmente il segnale più evidente dell'inizio di una gravidanza è la mancanza del ciclo mestruale, che però alla terza settimana potrebbe non essersi ancora palesato (un ciclo regolare si ripete ogni 28 giorni, circa quattro settimane).

Per evitare di sottoporsi a un test di gravidanza falso/negativo, meglio aspettare la mancanza del ciclo mestruale per farlo. 

Test di gravidanza precoci

Alcuni test sono in grado di rilevare quantità minime di ormone hCG e possono dunque essere utilizzati anche 2-4 giorni prima rispetto al giorno previsto per l'arrivo della mestruazione, circa 12 giorni dopo il rapporto sessuale considerato a rischio. Molti esperti ritengono comunque più affidabili quelli indicati a partire dal primo giorno di ritardo del ciclo mestruale.

Esistono inoltre test che dichiarano di identificare una gravidanza fino a una settimana prima di quella che dovrebbe essere la data delle nuove mestruazioni (a patto di avere cicli regolari di 28 giorni): sono sempre test casalinghi fai da te, ma da eseguire su sangue.

I sintomi nella terza settimana di gravidanza

Alla terza settimana di gravidanza ci si trova ancora agli albori della gestazione e dunque è normale non avvertire alcun sintomo. Tuttavia non mancano le donne che già in questa fase cominciano a risentire di piccoli cambiamenti del proprio quotidiano.

Oltre ai già citati segnali della gravidanza (nausee, seno gondio, sensibilità a odori e sapori ecc...), le future mamme potrebbero avvertire le prime voglie, ossia quell'irrazionale e repentino desiderio di consumare un determinato alimento che spesso è causato proprio dai cambiamenti ormonali che già stanno cominciando a trasformare il corpo materno per poter accogliere la nuova vita.

Sempre in queste prime settimane possono verificarsi episodi di perdite ematiche (perdite da impianto) non confondibili con quelle causate dal ciclo mestruali perché più lievi e meno durature.

Il feto nella terza settimana di gravidanza

In questo momento - e più o meno fino all'ottava/decima settimana di gravidanza- si parla ancora di embrione e non di feto. Tale embrione ora ha tra i 14 e i 21 giorni di sviluppo e ogni giorno che passa raddoppia le sue dimensioni. Nonostante questo "ammasso" di cellule appaia ancora informe, i primi organi e apparati - cuore, sistema nervoso, midollo ecc... -  stanno già cominciando a formarsi.

FONTE: NHS

Domande e risposte

Cosa accade dopo l'impianto?

Dopo l'impianto nell'utero l'ovulo inizia a svilupparsi, diventa un embrione e s'iniziano a moltiplicare le cellule del nuovo organismo.

Quando s'iniziano a contare le settimane di gravidanza?

Per convenzione, dopo aver accertato la gravidanza, si fa risalire l'inizio della gestazione alla data dell'ultimo mestruo.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli