Home Gravidanza

Traghetto in gravidanza, come organizzarsi?

di Sara De Giorgi - 13.08.2021 - Scrivici

donna-incinta-nel-porto
Fonte: Shutterstock
Si può prendere il traghetto in gravidanza? La risposta è sì, ma ogni compagnia navale ha delle regole ben precise per le future mamme, soprattutto se la gravidanza è in fase avanzata o se vi sono problematiche.

È possibile prendere il traghetto per viaggiare quando si è in gravidanza? Ogni compagnia navale ha delle regole ben precise per le future mamme, soprattutto se la gravidanza è in fase avanzata o presenta problematiche di vario tipo. 

In generale, la donna incinta che non ha particolari problemi di salute può viaggiare serenamente in traghetto, ma, se esistono alcune controindicazioni, occorre seguire un protocollo indicato dalla compagnia navale in questione. 

È ovviamente sempre opportuno, prima di partire, recarsi dal proprio ginecologo e informarlo del viaggio che si sta per intraprendere. Il medico farà una visita di controllo, al fine di accertare lo stato di salute della mamma e del bambino. 

Vediamo quali sono le richieste comuni delle varie compagnie.

In questo articolo

Traghetto in gravidanza, certificato dal sesto mese

A seconda della compagnia navale, potrebbe essere necessario un certificato rilasciato dal proprio ginecologo dal sesto o dal settimo mese di gestazione. Ecco le linee guida delle principali compagnie.

Tirrenia

Per la compagnia navale Tirrenia viaggiare - in gravidanza - a bordo di navi e di traghetti non ha controindicazioni. Dal sesto mese è però richiesto un certificato medico rilasciato non più di sette giorni prima della partenza.

Il certificato è obbligatorio anche per donne che sono all'ultimo mese di gravidanza, per donne il cui parto sia previsto nelle 4 settimane successive, per gravidanze con complicanze mediche attestate e per gravidanze gemellari

La compagnia Tirrenia sconsiglia di viaggiare nei 7 giorni precedenti e nei 7 giorni successivi al parto o in caso di rischio di parto anticipato.

Moby

Invece, la compagnia navale Moby afferma che le donne in gravidanza possono imbarcarsi tranquillamente e che, concluso il sesto mese di gravidanza, è necessario presentare un certificato medico che garantisca l'idoneità fisica.

Il certificato, rilasciato dal medico competente o da una struttura abilitata, dovrà essere rilasciato non più di 7 giorni prima della partenza (in caso di viaggio andata e ritorno, il certificato dovrà essere rilasciato non più di 7 giorni prima della partenza di andata e non più di 7 giorni prima della partenza di ritorno). Se ci sono complicazioni durante la gravidanza, il certificato dovrà essere presentato indipendentemente dal mese di gestazione.

GNV

La compagnia GNV richiede, indipendentemente dal mese di gravidanza, un certificato medico che autorizzi il viaggio per mare: il documento deve essere rilasciato una settimana prima della data di partenza. Inoltre, dopo il sesto mese di gravidanza, o in caso di gravidanza a rischio, oltre al certificato medico che attesti l'idoneità ad affrontare il viaggio per mare, sarà necessario scaricare, far compilare al medico curante e portare sempre con sé l'apposita manleva per stato di salute.

Grimaldi Lines

Infine, la compagnia Grimaldi Lines ha affermato che oltre il sesto mese le donne in gravidanza potranno viaggiare solo se dotate di un certificato medico emesso non più di 7 giorni prima della data della partenza.

Se la gravidanza è complicata, il certificato medico è richiesto indipendentemente dai mesi di gravidanza. L'imbarco non sarà in ogni caso permesso se il parto è previsto nei 7 giorni successivi alla partenza o alle donne che abbiano partorito nei 7 giorni precedenti alla partenza.

Viaggi in traghetto con il pancione, consigli

Se la futura mamma è in salute, il viaggio con il traghetto è addirittura consigliato rispetto ad altri mezzi, anche perché non vi è il rischio di un eccessivo stimolo legata a sobbalzi o altro. Alcune donne possono sentirsi maggiormente libere di muoversi, contrastando così un eventuale gonfiore delle gambe. 

Sul traghetto poi è possibile camminare e ciò favorisce la circolazione. Se il viaggio è molto lungo, è consigliabile prenotare una cabina per poter riposare in comodità. 

È importante bere molto, soprattutto durante l'estate, e portare qualcosa da sgranocchiare in modo da combattere un'eventuale nausea. 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli