Home Gravidanza

Translucenza nucale (NT)

di Nostrofiglio Redazione - 27.08.2020 - Scrivici

translucenza-nucale
Fonte: Shutterstock
La translucenza nucale (NT) è un test di screening prenatale che serve a rilevare eventuali anomalie cromosomiche nel feto

In questo articolo

Cos'è la translucenza nucale?

La translucenza nucale (NT) è un test di screening prenatale che consiste nella misurazione ecografica di una raccolta fisiologica di liquido presente nella regione della nuca del feto, tra la cute della nuca e l'osso occipitale del cranio, laddova inizia la colonna vertebrale.

Tale raccolta aumenta tra l'undicesima e la tredicesima settimana di gravidanza nella maggior parte dei feti affetti da malattie genetiche o da alcune malformazioni. La sua misurazione in quest'epoca gestazionale consente di calcolare il rischio individuale che una donna corre, rispetto ad altre future mamme della sua stessa età di avere un bambino con un difetto congenito o un'anomalia cromosomica come

  • la Sindrome di Turner,
  • la  trisomia 21 (sindrome di Down),
  • la trisomia 18 (sindrome di Edwards)
  • o la trisomia 13 (Sindrome di Patau).

La translucenza nucale viene considerato dunque come il più importante marcatore per la previsione di anomalie fetali ed è uno dei due esami che compongono il bi-test o test combinato. Sottoporvisi può essere fastidioso, ma non doloroso.

L'esame: quando farlo, esiti e costi

La misura ecografica della translucenza può essere effettuata in qualsiasi momento della gravidanza, anche se il periodo migliore per individuare eventuali anomalie nel bimboo si attesta tra l'undecsima e l'inizio della quattordicesima settimana di gestazione. Di norma l'esame dura circa 30-45 minuti per consentire la misurazione del feto indeterminati posizioni.

Il consiglio degli esperti è di rivolgersi presso centri specializzati. Il sito della Società Italiana di Ecografia Ostetrica e Ginecologica e Metodologie Biofisiche (www.sieog.it) fornisce online l'elenco delle strutture certificate.

L'esito

Per potersi sottoporre a questo test di screening è necessario che la lunghezza cranio-caudale del feto (CRL) sia compresa tra 45 millimetri e 84 millimetri.

Il valore della translucenza nucale infatti, varia in base a questa lunghezza ed è perciò impossibile stabilire dei parametri finiti che determinino una situazione di normalità. L'esito dell'esame va dunque valutato sulla base di curve particolari che tengono conto appunto di tale rapporto.

Normalmente si considerano a rischio le misurazione che superano i 3,5 millimetri ("translucenza aumentata"). Anche valori inferiori però potrebbero indicare fattori di rischio.

I costi

L'ecografia ostetrica con translucenza nucale - insieme al prelievo di sangue materno per la misurazione di marcatori placentari - rientra nella procedura del test combinato, il quale è stato inserita nei Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, come esame per la gravidanza passato dal Servizio Sanitario Nazionale a tutte le donne. Quindi è gratuito.

Qualora si volesse eseguire il test privatamente, il costo oscilla tra i 100 e i 300 euro.

FONTE: Fetalmedicine.org

Domande e risposte

Il test della translucenza nucale è doloroso?

Il test dura 30-45 minuti e può essere considerato fastidioso, ma non è doloroso.

Il test della Translucenza nucale è pericoloso?

Non essendo un esame invasivo, la misurazione ecografica della Translucenza nucale non prevede alcun pericolo per la salute del feto o della madre.

Esame della translucenza nucale: come si svolge?

L'esame consiste in un'ecografia che misura lo spessore di una raccolta di liquido collocata sotto al collo fetale in modo da stabilire la probabilità di rischio che il feto sviluppi anomalie cromosomiche.

Revisionato da Niccolò De Rosa

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli