Tradizioni

I 12 migliori dolci di Natale italiani

zuppapanettone
21 Dicembre 2011 | Aggiornato il 23 Dicembre 2017
Panettone, pandoro, struffoli, tronco di cioccolato, spongata e pan dolce. Per festeggiare il Natale ci sono tante 'dolci' tradizioni lungo tutto lo Stivale. Le conosci tutte?
Facebook Twitter More

Come concludere il cenone della Vigilia o il gran pranzo di Natale? Naturalmente con un bel dolce! Quale? In giro per l'Italia ce ne sono di tanti tipi. Scoprili tutti. (Leggi anche quali sono i menù tipici italiani)

La tradizione dei dolci natalizi si può suddividere in tre fasce, si legge sul Cucchiaio d'argento.

1 - In pole position, il panettone lombardo

La prima, quella del Nord, propone focacce ben lievitate e impreziosite con uvetta, canditi e scorze di agrumi. In pole position troviamo il panettone della Lombardia che "testimonia il passaggio dal pane normale a quello di gala". Il panettone ha tante varianti: quello veneziano ha mandorle e nocciole; quello genovese è basso, con i pinoli e il marsala.

2 - Il dolce torrone cremonese

Sempre in Lombardia, più precisamente a Cremona, c'è inoltre la tradizione del torrone. Un dolce composto da un impasto di albume d'uovo, miele e zucchero, farcito con mardorle, noci, arachidi o nocciole, spesso ricoperto da due ostie.

3 - Il classico pandoro Veneto

Nel Veneto invece troviamo il conosciutissimo pandoro e...

4 - Nadalina, focaccia soffice veneta

... anche un dolce meno noto che è la nadalina, una focaccia soffice a forma di stella, "versione attualizzata del rinascimentale Pan de Oro della Repubblica venetas, ricoperto di lamine d'oro zecchino a gloria dei nobili," spiega il Cucchiaio d'argento.

5 - Zeltan, pan di frutta dell'Alto Adige

Un tipico dolce natalizio dell'Alto Adige è invece un pane di frutta che si chiama Zelten, da "selten" che in tedesco significa "talvolta" proprio perché si prepara solo una volta all'anno a Natale. Più precisamente al rientro a casa della famiglia dopo la messa di mezzanotte. Ci sono diverse varianti data dai diversi frutti aggiunti.

6 - La Spongata, da Brescello, in Emilia Romagna

In Emilia Romagna, in particolare a Brescello, un dolce tipico è la spongata che si prepara tra Natale e Capodanno. Questo dolce, di cui esistono diverse varianti, è ricco di mandorle, nocciole, pinoli tritati, canditi, miele zucchero, farina e vino.

7, 8 e 9 - Panforte, troncolo e frustingolo

La seconda fascia è quella dell'Italia centrale ed è caratterizzata da dolci natalizi più bassi, ricchi di frutta secca, canditi, miele e spezie. In Toscana troviamo il panforte, in Umbria il troncolo, nella Marche il frustingolo lavorato con fichi, cioccolato, frutta secca, miele e ricoperto di cioccolato.

10 e 11 - Gli struffoli napoletani e le carteddate pugliesi

Nel Sud i dolci di Natale sono invece caratterizzati dalla pasta di mandorle, pasta fritta e miele. Tipico esempio sono gli struffoli napoletani (con le sue varianti come la cicerchiata abruzzese e umbra) e le carteddate della Puglia.

12 - La giurgiulena con semi di sesamo

In Sicilia infine abbiamo la giurgiulena a base di semi di sesamo, una specie di torrone che deriva dalla pasticceria araba.

Leggi anche Menu di Natale e Tutti a tavola, è Natale