Fiaba della buonanotte

Fiaba della buonanotte: la dieta di Babbo Natale

babbonatale
16 Novembre 2010 | Aggiornato il 29 Ottobre 2015
Una simpatica fiaba della buonanotte natalizia. Protagonista? Babbo Natale, che nel suo castello di ghiaccio al Polo Nord, si preparava alla grande notte, quella in cui avrebbe distribuito regali a tutti i bimbi del mondo. Da Focus Pico
Facebook Twitter More

"Vuoi dire che sono diventato più ciccione?" rispose inarcando le sopracciglia l'incredulo Babbo Natale, e ordino che venisse portata la bilancia parlante.

"Sei ingrassato dieci chili!" sentenzio la bilancia pesando Babbo Natale. "Hai mangiato troppi dolci e merendine!" concluse.

"Allora mi devi allargare il costume!" disse Babbo Natale all'elfo sarto.

"Impossibile! Non può essere modificato, altrimenti perderà la sua magia!" rispose preoccupato l'elfo.

"Ma, allora... che cosa posso fare?" chiese pensieroso Babbo Natale.

"Non c'è che una soluzione: mettiti a dieta!" replicò convinto l'elfo.

Così, Babbo Natale inizio a mangiare brodini leggeri, frutta e verdura, senza assaggiare neppure un cioccolatino. Giorni dopo, gli elfi lo pesarono di nuovo sulla bilancia parlante. "Sei ingrassato ancora di un chilo!" sentenziò la bilancia.

"Ma com'è possibile?" chiesero gli elfi. "Ehm... non chiedetelo a me, io ho seguito scrupolosamente la dieta!" disse Babbo Natale.

Ma gli elfi non erano convinti... Decisero, perciò, di tenerlo d'occhio di nascosto. Quella notte, un'ombra si avvicinò al frigorifero, nella cucina del castello di ghiaccio.

Gli elfi accesero la luce e... "Ooooh!" esclamarono tutti insieme: Babbo Natale aveva tagliato una grossa fetta di panettone e la stava divorando con appetito!

"Ora è tutto chiaro!" esclamò severo l'elfo sarto. "Di giorno seguivi la dieta, mentre la notte ti rimpinzavi di dolci!".

"Che cosa posso farci?" replicò mortificato Babbo Natale. "Mi è sempre piaciuto mangiare tanto!".

"E ai bambini non pensi?" commentarono gli elfi. "Se non potrai indossare il costume magico, resterrano senza doni!".

"E' vero!" realizzò improvvisamente Babbo Natale, battendosi una mano sul capo. "Non posso permetterlo!".

Perciò iniziò a fare tanta ginnastica con cyclette, pesi e altri attrezzi. Giunse la Vigilia di Natale. Babbo Natale indossò il costume magico e provò ad abbottonarlo...

"Evviva! Adesso ti sta a pennello!" esclamò con gioia l'elfo sarto.

"Ce l'ho messa tutta!" disse soddisfatto Babbo

 

Natale. "Non potevo deludere i bambini!".

 

Così, quella notte, partì in volo con la slitta magica per regalare, ancora una volta, un pizzico di felicità ai bambini di tutto il mondo.>>