Pranzo di Natale adatto ai bambini

Pranzo di Natale 2017: un menu completo (e adatto anche ai bimbi)

Di Rosy Maderloni
12cremaalmascarpone
04 Dicembre 2017 | Aggiornato il 21 Dicembre 2017
Una proposta di menu completo da preparare in casa della chef a domicilio Angela Maltese facile, leggero e con un occhio di riguardo agli ospiti d'onore di questa festa: i bambini.
Facebook Twitter Google Plus More

I mitici dorayaki del cartoon Doraemom, pomodorini con sorpresa, verdure nascoste nei plumcacke salati: tutte portate di un menu per il pranzo di Natale a portata di bambino dove le parole d'ordine sono semplicità e sapore, colore, ma soprattutto velocità di preparazione.

 

Perché i giorni a cavallo del 24 dicembre sono una festa di tutta la famiglia: i piccoli devono poter gustare pietanze adatte ai loro palati semplici, nonni zii e cugini hanno diritto a cibi belli da vedere e buoni da mangiare, ma le mamme non devono impazzire giorni prima per star dietro a tutti i preparativi e spignattamenti del caso.

 

 

Abbiamo chiesto alla chef Angela Maltese, ideatrice di Cucinarti, di guidarci per mano lungo le portate di un menu "a portata di mamma", adatto ai bimbi ma che sia anche una gioia per la vista e il gusto.

 

«Quando studio i menu vado indietro con la macchina del tempo e penso ai piatti della nonna e di mia mamma che amavo quando ero piccola - premette Angela Maltese - e ci aggiungo quello che ho imparato negli anni sia per variare in fantasia sia per proteggere la salute»: ecco i suggerimenti della chef. 

 

 

Ricette Antipasti di Natale


 

Paté di robiola e tonno al profumo di limone


Un paté semplice e delicato, in sostituzione di quello di fegato (comprensibilmente non sempre amato da tutti). Consideriamo una quantità totale di 30 g a testa (50 per i più golosi)  spalmato su fettine sottili di pane tostato (possibilmente caldo, ma va bene anche freddo se non riuscite ad organizzarvi coi tempi).

 

Ingredienti

  • 300 g di robiola e/o ricotta vaccina e/o formaggio spalmabile (almeno due di questi su tre);
  • 200 g di tonno sott'olio sgocciolato;
  • scorza di un limone biologico grattugiata

Procedimento

Frullate tonno e formaggi  fino a renderli un impasto cremoso, e aggiungeteci la scorza di limone biologico grattugiata.

 

 

Pomodorini con sorpresa di acciughe e capperi


Gustosissimi, color del Natale e soprattutto afferrabili con le mani dai bimbi!

 

Ingredienti

  • 2 pomodorini (fra il ciliegino e il pachino) per ogni adulto presente (o bambini grandicelli che amano i sapori “forti”)
  • parmigiano
  • mollica di pane
  • un paio di capperi per ogni pomodoro
  • una piccola acciuga sott'olio ogni due pomodori

Procedimento

Tagliate a metà i pomodorini e svuotate il contenuto con le dita – senza romperli – in una ciotolina. Aggiungete del parmigiano (un cucchiaino per ogni pomodoro), mollica di pane (un cucchiaino per ogni pomodoro) un paio di capperi per ogni pomodoro euna piccola acciuga sottolio ogni due pomodori. Mettete tutti questi ingredienti in un frullatore e ricavatene una crema con cui riempirete i mezzi pomodori. 

 

 

Uova sode ripiene

Antipasto classico, veloce e semplicissimo, che vi consentirà di riempire un bel vassoio con il minimo sforzo e di stuzzicare l'appetito dei commensali (mentre voi state dietro al polpettone).

 

Ingredienti

  • uova
  • capperi
  • olive taggiasche
  • maionese
  • senape dolce

Procedimento

Rassodate le uova, tagliatele a metà, togliete delicatamente il tuorlo e mettetelo in una terrina. Aggiungete 4 piccoli capperi per uovo, un’oliva taggiasca snocciolata per uovo, maionese e (se piace anche ai bambini) della senape dolce: frullate questi ingredienti e mettete una cucchiaiata della crema ottenuta in ogni mezzo uovo sodo.

 

 

Plumcake salato con spinaci e parmigiano 


Sfizioso e irresistibile, ma soprattutto un ottimo "contenitore" per occultare le verdure e proporle ai bambini. 

 

Ingredienti

  • 250 g spinaci
  • 150 g farina bianca
  • 125 g latte
  • 50 g olio leggero
  • 4 uova intere
  • 80 g parmigiano grattugiato
  • 80 g provola
  • mezza bustina di lievito per prodotti da forno salati
  • sale qb.

Procedimento

Fate lessare gli spinaci (bastano 3 minuti da quando l’acqua bolle) riunite gli ingredienti liquidi (uova, olio, latte), aggiungete la farina, il lievito, il parmigiano e la provola fatta a piccoli dadini. Strizzate bene gli spinaci, radunateli in un blocco unico e tagliateli con un coltello a pezzettini. Uniteli agli ingredienti liquidi, mescolate il tutto e adagiate l'impasto in uno stampo da plumcacke.

Infornate a 180° per circa 45 minuti: infilate uno stecchino di legno al centro per verificare se è cotto (deve uscire pulito, altrimenti lasciatelo dentro ancora almeno 5 minuti) e affettatelo quando sarà raffreddato.

 

 

Pranzo di natale, una ricetta per il primo 

 

La vellutata di zucca e mela


Se siete legati alla tradizione, un'opzione veloce per la prima portata è il brodo di carne con i cappelletti parmigiani. 

 

Un'opzione altrettanto veloce e gustosa ma un po' diversa è la vellutata di zucca e mela.

 

Ingredienti

  • 500 g di zucca piacentina o mantovana pulita
  • 1 cipolla
  • 1 mela golden

Procedimento

Versate tutto a pezzetti in una pentola con acqua e sale, e lasciate riposare per un'ora. Frullate poi il tutto, scaldate e servite in tavola (per gli adulti, potete impreziosire con una spolverata di noce moscata).

 

Menu di natale, ricette di pesce e carne

Ingredienti della tradizione rivisitati in ricette semplici e gustose ma di grande effetto.

 

Polpettone di pesce e patate

Ingredienti per 8-10 persone

  • 400 g filetto di pesce (nasello o merluzzo o pangasio, l’importante è che sia un filetto senza spine)
  • 300 g di patate lesse
  • 50 g di parmiggiano grattugiato
  • noce moscata
  • 2 uova

Procedimento

Fate cuocere il pesce in pochissima acqua fino a renderlo morbido e pronto per essere frullato nel mixer. Unite in una terrina le patate lesse (precedentemente schiacciate con la forchetta)  un po' di pan grattato (se l’impasto risulta molto molle), il parmigiano grattugiato, la noce moscata, sale e le uova. Impastate con le mani il tutto e formate una specie di grosso salame che avvolgerete nella carta forno: infornate e lasciate cuocere per un'ora a 180° (ricordatevi ogni 20 minuti di girarlo leggeremente, perché non resti schiacciato da un lato). Lasciate raffreddare e servite in tavola, magari insaporito da un velo di scorza di limone grattuggiata sopra. 

 

 

Polpettine di carne e ortaggi

Sempre per far mangiare verdurine a scettici e pigri, le polpette sono il compromesso giusto e universalmente gradito a tutte le età: ecco una ricetta a base di pollo.

 

Ingredienti

  • 500 g di petto di pollo pulito a pezzetti
  • 2 zucchine
  • 2 carote
  • 2 uova
  • mollica di pane
  • 100 g circa di parmigiano

Procedimento

Passate al mixer il petto di pollo, e a seguire carote e zucchine in modo che diventino coriandoli. Impastate tutto con 2 uova e formate delle palline che potrete friggere in abbondante olio di semi di arachidi oppure mettete in forno su carta forno per almeno mezz’ora a 180°. Gli ortaggi possono essere diversificati a seconda dei vostri gusti o anche sostituiti in blocco con piselli, lenticchie, broccoli.

 

 

Zucchine profumate con curry e origano


Un cotorno di tutto rispetto che si sposa benissimo con ognuno dei piatti sopra citati.

 

Prendete delle zucchine crude, spuntatele e tagliatele a metà o in tre pezzi: allineate ognuno di questi pezzetti ben vicini in una teglia con carta forno unta con poco olio, e preparate a parte un mix fatto con pan grattato, parmigiano, curry e origano ben miscelato. Ricoprite le zucchine con il vostro mix fantasia, fate dorare in forno per 30 minuti a 180° e voilà, il contorno è servito. 

 

Dolci da fare in casa per il pranzo di Natale

 

I Dorayaki di Doraemon

Stupite i vostri commensali (e fate felici i piccoli) portando in tavola come dolce i mitici dorayaki (quelli del film Doraemon che era piaciuto tanto ai bambini): più facili a prepararsi che a pronunciarsi, sono i pancake giapponesi.

 

Ingredienti

  • 2 uova
  • 40 g di zucchero
  • 100 g di farina bianca
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1/2 bustina di lievito per dolci

Procedimento

Miscelate uova e zucchero, aggiungete farina bianca e miele liquido, il lievito per dolci e 2/3 cucchiai di acqua: il risultato deve essere una specie di pastella morbida. Fate riposare mezz’ora l’impasto e per cuocerli fate delle cucchiaiate (una cucchiaiata un dorayaki) su un pentolino antiaderente (come quello che utilizzate per le crepes). Appena si formano le bolle girate il dorayaki e dopo pochi secondi toglietelo, perché cuoce in fretta. I bambini li mangeranno da soli o con marmellata, crema di nocciole o altra crema dolce.

 

 

Cenone della Vigilia di Natale

 

In alcune tradizioni culinarie questa cena dev'essere leggera: la chef ci suggerisce un bel piatto di capelli d’angelo “fidelit” in brodo di carne leggero e poi una verdura, magari degli spinaci lessati e ripassati in padella con un pezzettino di burro e un cucchiaio di olio e sale, o delle cime di rapa lessate e saltate in padella con aglio e un pizzico di peperoncino.

 

Frittata con i porri
Un alternativa al brodo? Con una frittatina non si sbaglia mai!

 

Ingredienti

  • 4 uova 
  • 2 porri
  • olio
  • sale
  • parmigiano reggiano

 

Procedimento

I porri devono essere tagliati (da crudi) a rondelle sottili, fatti stufare in una padella con olio, sale e un po’ d’acqua. Quando si raffreddano si uniscono le uova sbattute con un po’ di parmigiano. Per i più grandi, si possono insaporire con sale rosa e pepe rosa.

 

Consigli per un Natale sereno

Qualche trucco per un Natale felice? «Ognuno mangi quello e quanto ne ha voglia - conclude la chef Angela - tutti fanno qualcosa: farsi aiutare in cucina soprattutto dai bambini è bello, tutti si sentono importanti se hanno contribuito alla riuscita della festa, impastare, preparare i piatti di portata, accendere le candele, mettere i segnaposto a tavola, controllare i tempi del forno. Non vi preoccupate se la casa è un po’ nel caos: una casa perfettamente ordinata e pulita potrebbe risultare un po’ freddina».