Allattamento

5 cose che (forse) non sai sull'allattamento al seno

Di Valentina Murelli
allattamento_al_seno
30 Luglio 2018 | Aggiornato il 20 Dicembre 2018
Dal dolore – che non dovrebbe esserci - all'alimentazione consigliata, dall'evoluzione del latte alla possibilità di assumere farmaci, fino ai cambiamenti della forma del seno. Cinque curiosità sull'argomento
Facebook Twitter More

1. Non deve fare male


A parte qualche fastidio alle prime poppate, se tutto va bene seno e capezzoli non devono far male. Se succede significa che c'è qualcosa che non va: ragadi, mastite o altri disturbi che possono dipendere da un attacco scorretto del bebè alla mammella, infezioni o particolari predisposizioni anatomiche.

 

Per risolvere la situazione chiedi aiuto: in ospedale o in consultorio (se hanno ambulatori per l'allattamento o personale specializzato sul tema), a consulenti professionali, ad associazioni come la Leche League o il Mami.

 

2. Il latte è in continuo cambiamento


Ogni poppata è unica, perché il latte cambia la sua composizione durante la giornata e nel corso del tempo. Per esempio, intorno a cinque/sei mesi di vita del bambino – quando il piccolo comincia a spostarsi nell'ambiente mettendo in bocca qualunque cosa - il latte torna per un po' simile al colostro, cioè molto ricco di anticorpi.

 

E sembra che la composizione del latte possa cambiare anche in risposta a malattie del bambino, aumentando la concentrazione di globuli bianchi se sono in corso infezioni.

 

3. Puoi mangiare quello che vuoi


In generale non ci sono alimenti che fanno male o danno fastidio al bambino, e devono quindi essere evitati in allattamento. Il consiglio, ma vale sempre nella vita, è quello di mangiare sano ed evitare eccessi.

 

Anche le coliche difficilmente dipendono da quello che mangia la mamma, a meno che il bebè non sia allergico o intollerante a qualche alimento, per esempio al latte vaccino. In questi casi la diagnosi la fa il pediatra, che magari consiglierà alla mamma di evitare i latticini per un po'.

 

4. Può cambiare la forma del seno


Non succede sempre, ma finito l'allattamento potresti constatare che il tuo seno ha cambiato leggermente forma. A volte potrebbe risultare un po' più grande di prima, altre volte un po' piccolo o come svuotato. Ma attenzione: la “colpa” non è solo dell'allattamento, in gioco potrebbero esserci altri fattori, come la predisposizione genetica, l'età, il numero di gravidanze e allattamenti precedenti, un eccessivo aumento di peso durante la gravidanza.

5. Farmaci? Non sempre sono vietati!


Non è vero che quando si allatta non si possono prendere farmaci: molti sono efficaci e sicuri anche per la mamma che allatta e per il suo piccolino. Su internet puoi trovare informazioni nel Servizio su farmaci in gravidanza e allattamento dell’Agenzia italiana del farmaco e in caso di dubbio puoi rivolgerti Centro antiveleni dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (numero verde 800.883300 attivo H24). Il Centro ha un servizio specifico proprio sui farmaci in gravidanza e allattamento.