Attrezzatura bimbo

7 dritte per scegliere la culla

Di Antonella Laudonia
culla
14 Giugno 2011 | Aggiornato il 18 Maggio 2015
Come deve essere la culla per il bebè in arrivo: robusta e senza spigoli, sponde alte almeno 60 centimetri, se la comprate nuova controllate che sia conforme alla normativa europea ... I consigli del neonatologo per fare la scelta giusta
Facebook Twitter Google Plus More

Controllate che la culla sia a norma

I neonati devono dormire appoggiati sulla schiena, è questa la posizione ideale per garantire il massimo della sicurezza nel sonno

“La prima cosa da verificare quando si compra una culla è che sia conforme alle normative europee in materia, ovvero la EN1130 e la EN716 - Giuseppe Banderali, direttore di neonatologia e patologia neonatale all'ospedale San Paolo di Milano -. Per esempio le sponde devono essere alte almeno 60 centimetri per evitare che il piccolo caschi durante il sonno. Non c'è un materiale migliore di altri, purché si tratti di modelli certificati. Quel che conta, in generale, è che la struttura sia robusta e che sia priva di spigolature”.

Bando alle eccessive stranezze

“Se ne sentono tante: culle appese, culle sidecar, culle fatte a cesta con i manici - dice Banderali - raccomando sempre di prediligere la semplicità e la sicurezza. Se questi modelli più originali equivalgono a minore stabilità, allora meglio lasciar perdere”.

Guarda come dondola ...

Meglio la culla ferma o che dondola, si chiedono tante future mamme. “Anche quelle che dondolano possono andare bene - continua il neonatologo - Chi soffre di colichette o chi piange spesso, per esempio, può trarre un profondo beneficio dal dondolio”.

Materasso, vade retro morbidezza

“Il materasso ideale? Abbastanza rigido, in lattice o caucciù (meglio che in gommapiuma) e sempre anallergico. L'importante è che sia della stessa misura della culla, per evitare spazi vuoti che potrebbero far incastrare i piedini”.

Senza cuscino è meglio

“E' sconsigliato fino all'anno di vita, sia per ragioni di sicurezza (pericolo di soffocamento), sia per ragioni di postura che dev'essere più verticale possibile”.

Se lo mettete nel lettino, indispensabile il riduttore

“Per chi opta direttamente per il lettino, il riduttore è necessario perché il bambino ha bisogno di sentirsi contenuto, e non perso”.

I primi mesi meglio accanto al lettone

“Il neonato deve dormire accanto al lettone dei genitori almeno per i primi 5-6 mesi di vita, in modo da potersi accorgere subito di qualunque segnale che non va. Sconsigliato invece farlo dormire proprio nello stesso letto dei genitori”.

Leggi anche le posizioni della nanna

Vuoi conoscere altre mamme? Entra nel forum di nostrofiglio.it