Ricerca

I neonati provano dolore come gli adulti

neonato
23 Aprile 2015
I neonati non solo provano lo stesso dolore degli adulti, ma hanno anche una soglia più bassa. E' il risultato di una ricerca condotta dall'università di Oxford che smentisce la credenza che i piccoli non sentono male. I ricercatori lo hanno dimostrato attraverso la risonanza magnetica.
Facebook Twitter Google Plus More

Per molti anni si è pensato che i neonati non sentissero il dolore, infatti si credeva che il loro sistema nervoso centrale non fosse abbastanza sviluppato per elaborare e rispondere agli impulsi dolorosi. Ora però, un nuovo studio fatto dall'Università di Oxford (Regno Unito) e pubblicato sulla rivista scientifica eLife ribalta questa credenza. 

 

I ricercatori hanno visto che l'attività cerebrale provocata da un dolore in un neonato è molto simile all'attività che si sviluppa negli adulti. Questo suggerisce che le esperienze di dolore siano quasi uguali.

 

Questo risultato ha importanti implicazioni per le strategie di gestione del dolore nei bambini piccoli e richiedono una rivalutazione delle attuali linee guida su come alleviare il dolore nei neonati.

 

Mentre è facile capire quando un adulto sta provando dolore, non è altrettanto facile con un neonato. E per questa difficoltà non è stato molto facile quantificare la portata del dolore nei piccoli. E così le strategie di gestione del dolore sono sempre state molto diverse per adulti e bambini, tanto che alcune linee guida permettono che alcuni interventi chirurgici minori possono essere eseguiti senza antidolorifici.

Leggi anche: Le 20 cose che il tuo bambino prova disperatamente a dirti

 

L'esperimento

Per fare questa indagine gli scienziati dell'Università di Oxford hanno arruolato 10 bambini sani di età compresa tra uno e sei giorni di vita e 10 adulti sani di età compresa tra 23 e 36.

 I partecipanti sono stati poi collocati all'interno di uno scanner per la risonanza magnetica ed i bambini sono stati fatti addormentare dai genitori. Sia gli adulti che i bambini sono stati poi esposti ad uno stimolo doloroso simile a una puntura di spillo. Per i neonati l'entità dello stimolo doloroso era quattro volte inferiore a quello degli adulti.

 

La risonanza magnetica ha evidenziato che l'attività cerebrale in risposta al dolore nei bambini e negli adulti era quasi la stessa, anche se il dolore inferto ai neonati era quattro volte inferiore a quello degli adulti. Questo significa non solo che i bambini piccoli e gli adulti sentono dolore in modi simili, ma anche che i neonati hanno una soglia del dolore significativamente inferiore.

 

"Ora che abbiamo fatto questa scoperta, non ci resta che pensare a redigere delle linee guida per gestire il dolore nei bambini così piccoli" ha detto il capo della ricerca Rebeccah Slater.

 

Nel forum le neo mamme parlano dei loro neonati