A Roma

Il Bambin Gesù promuove la Banca del latte

neonato_mamma_biberon
28 Luglio 2009
Nel Lazio è l'unico punto di raccolta di latte donato da altre neomamme e distribuito ai piccoli pazienti dell'Ospedale romano che ne hanno bisogno. Per la prima volta in Italia gli agenti di polizia provinciale si recheranno nel domicilio delle donatrici per ritirare il latte.
Facebook Twitter More

Ha preso il via il progetto “La Via Lattea”: un piano di interventi a sostegno della “Banca del Latte Umano Donato (BLUD)” promosso dall´Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e dalla Provincia di Roma. Ne dà notizia un comunicato.

Un punto di raccolta importante - l’unico nel Lazio – di latte donato da altre neomamme e distribuito tramite l’ospedale ai piccoli pazienti che ne hanno assoluto bisogno, come i nati fortemente prematuri (che sono circa 50 mila ogni anno solo in Italia) o i piccoli pazienti affetti da malformazioni e malattie rare che interessano l´assorbimento intestinale, per i quali il latte umano equivale a una terapia salvavita.

Per la prima volta in Italia a occuparsi della raccolta del latte saranno gli agenti della polizia provinciale che si recheranno presso il domicilio delle madri donatrici su tutto il territorio della provincia di Roma, per poi trasportare il latte presso la BLUD. In questo modo si spera di riuscire a triplicare entro un anno la quantità di latte raccolto, passando così da 130 a 390 litri donati ogni mese.

Il piano `La Via Lattea´ fornirà alle madri donatrici tutto il necessario per la donazione (tiralatte elettrici e contenitori sterili), in più metterà a loro disposizione seggiolini per il corretto trasporto in auto dei bambini e un corso di sicurezza stradale proprio su questo tema.