Dopo la nascita

Il mondo visto dal neonato, imparare a respirare

bebe_respiro
10 Maggio 2013
Nel pancione il bambino non conosce il bisogno di respirare ma appena la testa è fuori il naso e la bocca sono liberi e per la prima volta il neonato inspira aria. Il respiro regolare è un’arte che il bambino deve apprendere ed esercitare.
Facebook Twitter Google Plus More

Uffa, devo anche respirare

Nel pancione: non solo l’alimentazione ma anche l’ossigeno viene fornito in continuazione al bambino mediante il cordone ombelicale. Non conosce il bisogno di respirare. Il sangue del feto è sempre saturato con una quantità sufficiente di ossigeno.

La circolazione funziona ancora “al rovescio”: il sangue ricco di ossigeno proveniente dal cordone ombelicale scorre verso il cuore, viene pompato al corpicino e infine le grandi arterie dello stomaco restituiscono il sangue alla madre per il rifornimento.

Nel mondo: appena la testa è fuori il naso e la bocca sono liberi e per la prima volta il neonato inspira aria. In questo istante viene iniziata una nuova circolazione, i polmoni si distendono e iniziano a fornire ossigeno al sangue. Il respiro regolare è un’arte che il bambino deve apprendere ed esercitare. Nel sonno respira molto spesso in modo piatto e leggero. E si affanna in cerca di ossigeno quando ne sente il bisogno.

Articolo tratto da Eltern

Brrr...che freddo!

Che confusione!

Ho fame! Ho sete!

Il bisogno di carezze

Quanto spazio!

Leggi anche: Poppate e nanna, trova il ritmo giusto