Nostrofiglio

Salute

Neomamme: 6 consigli per prevenire i malanni di stagione

autunnoneonato

29 Ottobre 2013 | Aggiornato il 17 Ottobre 2018
Non solo vaccino antiinfluenzale. Per stare bene e restare immuni ai malanni di stagione, bisogna dormire bene, mangiare sano ed essere felici, perché “c’è un legame tra felicità e serenità della psiche e buona salute” spiega la dottoressa Marina Battaglioli, neonatologa dell’Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano

Facebook Twitter Google Plus More

Sia durante la gravidanza sia dopo il parto, la salute della mamma è importante anche il bebè. E, fra le tante cose da non sottovalutare, ci sono i malanni di stagione: febbre, influenza, raffreddore e tutte le irritazioni del tratto respiratorio.

“L’autunno è una stagione favorevole alla diffusione di alcune infezioni virali, soprattutto quelle a trasmissione aerogena che possono provocare malattie respiratorie ma anche malattie sistemiche come la rosolia” spiega la dottoressa Marina Battaglioli, neonatologa dell’Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano.

“Questo accade perché le condizioni di umidità aumentata e le temperature ancora non rigide ma più basse dei mesi estivi, portano a soggiornare più a lungo nei luoghi chiusi, ideali per il contagio. Inoltre le escursioni termiche sono più frequenti nelle stagioni intermedie come la primavera e l'autunno, con conseguente ritardo nell'acclimatamento dell'organismo, che risulta così più vulnerabile” continua la dottoressa.

Leggi anche per i bambini: Raffreddore e naso chiuso, che cosa fare; Tosse e mal di gola, le strategie per combatterle; Mal d’orecchie, che dolore! Febbre, niente panico!

Ecco i consigli per prevenire i malanni di stagione e restare in forma.

1 - Farsi fare la vaccinazione antinfluenzale.

È sicura anche per il feto, e i bambini le cui madri si sono vaccinate hanno una buona percentuale in meno di probabilità di essere ricoverati per conseguenze dell'influenza rispetto agli altri. “È una vaccinazione sicura in quanto costituita da subunità o particelle virali” spiega la dottoressa Battaglioli. In Italia è consigliata dal Ministero della Salute nel secondo e terzo trimestre nelle gravide a rischio. In alcuni Paesi, come gli Stati Uniti, invece, viene proposta a tutte le gravide dopo il primo trimestre”.

2 - Lavarsi le mani più spesso.

“Bisogna lavare le mani prima di accudire il bambino per proteggere il piccolo, e dopo il cambio del pannolino per proteggere la mamma” continua la dottoressa. Riguardo all’uso di un igienizzante per le mani per debellare parvovirus e citomegalovirus, specifica: “Le infezioni da parvovirus e citomegalovirus sono pericolose solo durante la gravidanza. Se la mamma non è in attesa di un altro figlio non occorre avere particolari precauzioni”.

3 - Lo sport è amico del sistema immunitario.

Fare esercizio fisico moderatamente intenso per almeno 30 minuti cinque giorni la settimana stimola il sistema immunitario e consente di ridurre le infezioni.

4 - Mangiare sano è uno dei modi migliori per stimolare le difese immunitarie dell'organismo.

Mangiare yogurt ogni giorno, soprattutto se contiene probiotici, stimola le cellule immunitarie. Lo stesso vale per aglio, tè verde e tè nero. Bisogna invece limitare la caffeina: non più di tre tazze di caffè al giorno. Germe di grano e noci sono ottime fonti di zinco. Il cocco, inoltre, è utilissimo per le donne in gravidanza perché contiene acido laurico, componente del latte materno.

5 - Una buona vita sociale rende più sani e meno esposti all'influenza.

“C’è un legame tra felicità e serenità della psiche e buona salute. Al contrario, ansia, eccessivo stress e depressione sono correlate con l’abbassamento delle difese immunitarie” spiega la dottoressa Battaglioli.

6 - Dormire bene.

Il sonno è importante: secondo uno studio pubblicato su Archives of Internal Medicine, dormire meno di sette ore a notte porta a una probabilità tre volte maggiore di ammalarsi rispetto a chi ne dorme otto. Ma la neonatologa puntualizza: “Più che alla quantità del sonno, bisogna puntare alla qualità del riposo. Quando si parla di neomamme, il sonno è un capitolo dolente. Inoltre, alcune persone dormono meno di altre perché fisiologicamente hanno bisogno di meno ore. Ognuno deve dormire il tempo necessario per stare bene”.

Ti potrebbe interessare: