Accesso

Bambini prematuri: è importante che mamma e papà li possano visitare anche in TIN

Di Niccolò De Rosa
prematuro
16 Maggio 2016
Dalla collaborazione tra SIN e Ministero della Salute nasce il documento "Promozione dell’uso del latte materno nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatale e accesso dei genitori ai reparti" che raccomanda l'accesso dei genitori di bimbi pretermine alle sale di terapia intensiva per stare con i propri piccoli.
Facebook Twitter More

Dalla scorsa settimana anche i genitori dei neonati prematuri avranno libero accesso ai reparti di terapia intensiva; la nuova raccomandazione è un piccolo passo avanti verso gli standard europei, nonché il riconoscimento di un diritto per quei genitori (in Italia sono circa 40.000 i nati pre-termine ogni anno) che per giorni non potevano vedere il loro piccolo a causa di precauzioni che "non si poggiano su basi scientifiche", spiega la SIN, la Società Italiana di Neonatologia.

 

Il documento della SIN

 

A seguito della collaborazione tra la Società Italiana di Neonatologia (SIN), il Tavolo tecnico operativo interdisciplinare per la promozione dell’allattamento al seno (TAS), operativo presso il Ministero della Salute, e l’associazione Vivere Onlus, è stato elaborato il documento “Promozione dell’uso del latte materno nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatale e accesso dei genitori ai reparti”.


 

In occasione della Conferenza nazionale “Promozione e sostegno dell’allattamento al seno”, tenutasi a Roma il 12 maggio, presso l’Auditorium del Ministero della Sanità, il documento è stato ufficialmente sottoscritto dal Presidente della SIN, Mauro Stronati, del TAS, Riccardo Davanzo e di Vivere Onlus, Martina Bruscagnin, alla presenza del Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin e del dott. Giuseppe Ruocco, Direttore Generale DGISAN - Ministero della Salute.


 

Il documento raccomanda di favorire l’ingresso dei genitori nelle TIN, con lo scopo di sensibilizzarli sui vantaggi che l’allattamento materno e la loro presenza accanto al bambino comportano sulla salute del neonato, sia dal punto di vista nutrizionale che affettivo-psicologico. 


Società scientifiche, importanti istituzioni nazionali e internazionali, lavori scientifici si sono più volte espressi sui vantaggi derivanti dall’agevolare il rapporto di contiguità tra i genitori e il proprio neonato in ospedale, anche in relazione agli effetti favorevoli sul successo dell’alimentazione al seno, obiettivo vitale per la salute dei neonati ed in particolare per i pretermine.


[...]

La presenza costante della mamma in TIN accanto al neonato pretermine - continua il comunicato -  favorisce l'alimentazione con latte materno, inizialmente tramite sondino o siringa e appena possibile, attaccando direttamente il bambino al seno. L’accesso della famiglia alla TIN facilita allo stesso modo la spremitura del latte materno, ottimizzandone la produzione, favorendo l’avvio e il mantenimento dell’allattamento, oltre ad avere un chiaro e preciso fondamento etico/scientifico.

 

 

Per approfondire: