News

Potenza: torna a casa la bimba nata prematura a 22 settimane

neonatoprematuromanina
28 Marzo 2018
Dopo sei mesi è stata finalmente dimessa Maria, bimba nata prematura a 22 settimane e tre giorni. Alla nascita pesava 580 grammi. La bimba era ricoverata nella Terapia Intensiva Neonatale dell'Ospedale San Carlo di Potenza.
Facebook Twitter More

Piccola, piccolissima, proprio uno scricciolo di poco meno di sei etti. Maria è nata a 22 settimane e tre giorni di gestazione. Pesava 580 grammi e ha trascorso più tempo nell'incubatrice che nella pancia della sua mamma.

 

Ora, a distanza di sei mesi, è stata dimessa. Dal reparto di Terapia Intensiva Neonatale del San Carlo di Potenza Maria può finalmente tornare a casa in condizioni di salute che al momento "si possono considerare soddisfacenti" nonostante sia nata al limite della vitalità.

 

Nata a fine settembre, oggi Maria ha superato i tre chili di peso e ha raggiunto i 50 centimetri: i valori di un neonato alla nascita. Di solito è probabile che i prematuri abbiano problemi a polmoni, occhi ed encefalo. Maria invece respira da sola, è stata sottoposta a laserterapia per la retina e ha avuto un esito negativo nella Risonanza magnetica al cervello.

 

"Il fatto che sia nata viva alla 22esima settimana è rarissimo, ci sono pochi casi descritti in letteratura - conferma all'Ansa Camilla Gizzi , primaria della Neonatologia dell'ospedale - tanto che un parto in questo periodo gestazionale si considera un aborto spontaneo. Solo nel 9-10% dei casi il feto è vivo, e anche in questo caso solo nel 30% sopravvive. Il neonatologo è stato chiamato d'urgenza in sala parto perché la piccola sembrava vitale, ed effettivamente ce l'ha voluta fare a tutti i costi, fino ad essere dimessa".

 

 

Leggi il comunicato dell'Ospedale San Carlo.

 

Per approfondire: