Alimentazione

Il latte della mamma con il biberon

biberon_latte
08 Luglio 2008
A volte non c'è altra scelta, a volte sono le mamme a deciderlo perché devono tornare al lavoro. Ecco le risposte alle domande più comuni sull'allattamento con latte materno, ma con il biberon.
Facebook Twitter More

Intervista con Jule Friedrich, ostetrica specializzata nell'allattamento materno.

Quando si può iniziare a usare il biberon per nutrire il bambino?

Nelle prime sei settimane il bambino dovrebbe essere allattato al seno. Successivamente, quando si è abituato all’allattamento, si può proseguire con il biberon. Se la madre lo desidera, qualche volta può dare il biberon al bambino, così impara a bere dalla tettarella. I bambini che nei primi tre o quattro mesi sono stati allattati solo al seno spesso rifiutano il biberon successivamente: non riescono a usarlo perché richiede un’altra tecnica.

 

Il latte materno si conserva in frigo per almeno due giorni. Nel freezer per sei mesi

 

Come si conserva il latte materno?

Preferibilmente al freddo: in frigorifero a una temperatura tra i +4 e i +6 gradi, in congelatore a -18 gradi. Se il latte viene consumato entro 6-8 ore può essere tenuto a temperatura ambiente.

Quanto a lungo si conserva il materno materno?

Per i bambini in buona salute, il latte materno si può conservare in frigorifero fino a 72 ore, ovvero tre giorni. È opportuno prestare attenzione a non conservare il latte negli scomparti presenti sullo sportello del frigorifero, ma piuttosto negli spazi più interni o in basso. Lì la temperatura è infatti più regolare. Per i piccoli nati prematuri o malati, il latte andrebbe tenuto in frigorifero al massimo per 48 ore. Nel congelatore il latte si conserva fino a sei mesi.

A cosa bisogna prestare attenzione per congelarlo?

Per i neonati fino a sei mesi è necessario usare contenitori sterilizzati per il congelamento. Se il bambino è più grande si possono usare contenitori normali. Se si raccoglie il latte è importante non mescolare il latte fresco ancora tiepido con quello già congelato, poiché se viene a contatto con il latte tiepido quello congelato potrebbe sciogliersi.

 

 

Come si scongela correttamente il latte materno?

Dapprima bisogna lasciar liquefare il latte congelato nel frigorifero o a temperatura ambiente. Quando è liquido, è possibile conservarlo in frigorifero in un contenitore chiuso ancora per 24 ore. Se è stato prelevato già del latte, solo per 12 ore. Scaldare preferibilmente il latte lentamente a bagnomaria fino a un massimo di 37 gradi. In questo modo si conservano tutti i suoi componenti principali.

 

Non scaldare il latte nel microonde: potrebbe essere troppo caldo per il bambino

 

È possibile dare al bambino il latte riscaldato anche più tardi?

Il latte riscaldato dovrebbe essere dato al bambino entro un’ora. Non si deve riscaldare una seconda volta. Se non lo utilizzate o ne rimane un po’ non buttatelo via: il latte materno è un fantastico prodotto da bagno per i neonati. Quindi potete semplicemente versarlo nella vaschetta al prossimo bagnetto.

È possibile scaldare il latte nel forno a microonde?

No. Gli alimenti per neonati non devono essere scaldati al microonde. I componenti più preziosi andrebbero in questo modo perduti. Inoltre il microonde riscalderebbe il latte in maniera non uniforme e potrebbe comunque risultare troppo caldo per il bambino e quindi provocare scottature. È meglio scaldare gli alimenti per neonati a bagnomaria.

Si possono mescolare latte materno e latte artificiale?

Non è consigliato. Per lo stomaco dei bambini è meglio ricevere i due tipi di latte uno dopo l’altro. Quindi prima il latte materno, poi il ruttino e cambiare il bambino per fargli fare una piccola pausa. In seguito dargli il latte artificiale.

L’allattamento al biberon deve essere un’eccezione oppure può anche essere un modo per coinvolgere di più il papà?

Fino alla sesta settimana è bene evitare il biberon. Il padre può fargli le coccole, portarlo a spasso, cambiarlo o fargli il bagnetto e quindi instaurare così il suo rapporto con il figlio. All’inizio non deve avvenire attraverso l’alimentazione. Ma dipende dalle circostanze: se la madre lavora o vuole andare al cinema, il padre può sostituirla. In questo caso il latte materno dal biberon rappresenta una buona alternativa.

Vuoi saperne di più? Confrontati con altre mamme nel forum dedicato all'allattamento