Divertirsi

In vacanza con i bambini, come organizzarsi

bambino_sole
06 Maggio 2013
Prima di partire, portate il bambino dal pediatra per un controllo generale e poi organizzate nei dettagli tutto ciò che occorre.
Facebook Twitter More

 

  • Occhio al sole Abbondate con la protezione solare! Regola generale: una mano (di bambino) piena di crema da spalmare su tutto il corpo. Applicando poca crema la protezione potrebbe infatti durare poco. Usare una crema ad alto fattore di protezione per naso, orecchie, labbra, ginocchia, spalle, mani e piedi.

 

Spalmare di nuovo la crema dopo ogni bagno. Applicando la crema più volte tuttavia il periodo di protezione non aumenta. Due ore di sole al giorno per un bambino sono sufficienti. Tra le 11 e le 15, in ogni caso, niente tintarella. Intorno a mezzogiorno infatti il sole è 150 volte più forte rispetto alla mattina e alla sera e con una quantità notevolmente maggiore di raggi UVB, che sono quelli che provocano le scottature.

 

  • Borsa a portata di mano Per neonati e bambini piccoli: salviette umidificate o panni umidi in un sacchetto di plastica, pannolini, ciuccio di riserva, bavaglino, una maglietta e delle mutandine o un body di ricambio, non si sa mai.

 

Per tutti i bambini: fazzoletti di carta, un piccolo cuscino o un girocollo per dormire, calzini spessi, qualcosa per coprirsi se fa freddo, giocattoli, libri (illustrati), cibo e bibite, peluche, fiabe registrate e cassette di musica. Prima di partire, portate il bambino dal pediatra per un controllo generale

 

  • Partire e tornare sani Prima di confermare la prenotazione di un viaggio chiedete l'opinione del pediatra. Egli potrà anche visitare il bambino per accertarsi che stia bene. Non fate le vaccinazioni il giorno prima di partire: se dovessero insorgere complicazioni è infatti preferibile che il piccolo venga visitato da un medico che già lo conosce. Non dimenticate per nessun motivo di fare un'assicurazione di viaggio. Non sono molto costose e in caso di necessità vi permetteranno di risparmiate moltissimo.

  • I Paesi adatti a una vacanza Evitate gli estremi: il calore o il freddo eccessivi o regioni troppo umide o troppo secche. Meglio optare per un luogo con le stesse condizioni climatiche dell'Italia: in questo modo il piccolo non dovrà abituarsi al nuovo clima e voi potrete dormire sonni tranquilli. A che pro essere in un posto paradisiaco se siete esausti a causa delle notti insonni e non riuscite neanche a trascinarvi fino alla piscina?

 

Visitare delle città invece è una buona scelta per un neonato. Potrete mettere il piccolo nello zaino porta bambino e girovagare per ore per strade e musei. Quando invece i bambini sono più grandicelli può diventare problematico, si annoiano facilmente e vogliono essere portati in braccio, cosa per cui sono ormai troppo pesanti.

Altrettanto valida è l'idea di una vacanza in media montagna, per le passeggiate potrete portare il piccolo nella fascia o nello zaino porta bambino.

Meno raccomandabile è invece l'alta montagna o un rigido clima costiero come il Mare del Nord o il Mar Baltico. Le differenze climatiche per il piccolo sarebbero eccessive e stancanti.

Leggi anche:

 

In vacanza con i bambini

Viaggiare in auto

Le regole del bagno al mare