Secondo mese neonato

Il neonato deve bere?

acqua404.jpg
08 Gennaio 2013 | Aggiornato il 07 Luglio 2016
Da quando iniziare a dare l’acqua al neonato? Cosa cambia se il bambino è allattato al seno o con il latte artificiale?
Facebook Twitter More

Se il bambino è allattato al seno non occorre dargli da bere. La quantità di liquidi assunta con il latte materno impedisce al piccolo di avere sete e rende inutile somministrargli sia l’acqua semplice sia le altre bevande.

 

I piccoli allattati artificialmente possono invece avvertire lo stimolo della sete quindi in caso di pianto irritato e difficile da consolare è opportuno provare a offrire un biberon con acqua.

 

Quale acqua è preferibile far bere ai bambini?

Va benissimo una qualsiasi acqua oligominerale - che garantisce sui giusti contenuti di minerali - non effervescente (neanche l'effervescente naturale, a meno che non sia l'unica disponibile), preferibilmente da bottiglia di vetro.

E quella del rubinetto?

Va benissimo anche quella del rubinetto: se l’acqua è dichiarata potabile, si può bere tranquillamente, poiché significa che è batteriologicamente pura, priva di sostanze nocive e risponde a determinate caratteristiche di tipo fisico/chimico.

Se tuttavia si vive in zone dove l'acqua staziona in cassoni o è notoriamente non affidabile, allora è bene far ricorso a quella in bottiglia. In caso di dubbio o di necessità, l'acqua può essere bollita e, una volta raffreddata, la si può far bere tranquillamente al bambino.

 

(consulenza di Leo Venturelli, pediatra di famiglia, autore di numerose pubblicazioni di pediatria ambulatoriale e coautore di libri di divulgazione per genitori tra cui E’ nato un bambino, La grande enciclopedia del bambino, Da 0a 6 anni, una guida per la famiglia)

Leggi anche:

Secondo mese: le coliche del neonato

Secondo mese: la crosta lattea

Secondo mese: l'importanza della vitamina D

Leggi tutta L'agenda del bambino, da 0 a 12 mesi

Vuoi confrontarti con altre neo mamme? Entra nel forum, sezione Neonato

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. L'agenda del bambino, da 0 a 12 mesi