Home Neonato

Allattamento al seno, i consigli delle ostetriche

di Nostrofiglio Redazione - 20.05.2013 - Scrivici

neonato_allattamento.1500x1000
Previeni le infezioni con piccoli accorgimenti, cambia spesso la posizione di allattamento e pensa che presto il dolore ai capezzoli passerà. Tutte le dritte delle ostetriche per allattare al seno in modo sereno.

I CONSIGLI DELLE OSTETRICHE

  • Il piccolo quando beve deve tenere in bocca tutto il capezzolo. Ti potrà sembrare strano all'inizio, ma se non fai così il capezzolo si affatica troppo e il latte non riesce a scorrere nel modo giusto.

  • Se il bimbo si addormenta mentre beve il latte dal seno, togli il seno dalla bocca. Come fare? Passa delicatamente e di lato un dito tra le sue labbra. Non tirare!

  • Dopo la poppata lascia che latte materno e saliva sul seno asciughino all’aria: previene le infezioni.

  • Cambia spesso posizione di allattamento per evitare che la pressione sia da un lato solo. A seconda se allatti da sdraiata o da seduta, con il bimbo sulla pancia o di lato, sono interessate diverse regioni del seno. Un altro vantaggio: le mammelle si svuotano allo stesso modo.

  • Cambia spesso seno e non lasciare che il piccolo beva a lungo, meglio più spesso.

  • I capezzoli fanno male? Alcune donne sono sorprese di quanto male possa fare allattare: a volte, il secondo o il terzo giorno dopo aver iniziato ad allattare, i capezzoli sono così irritati o addirittura doloranti, che bisogna stringere i denti quando il bimbo inizia a bere il latte. È tutto normale: i capezzoli non sono allenati e sono una parte del corpo molto sensibile. E non basta che si siano irrobustiti durante la gravidanza con massaggi o docce fredde. L'unica consolazione: via via il dolore passerà.

  • Hai poco latte? Attacca spesso il piccolo al seno, perché stimola la produzione di latte, anche se succhia e basta. Inoltre puoi acquistare una miscela di tisane che aiuta la formazione di latte: in genere è un mix di anice, cumino e finocchio.

A ogni problema la sua soluzione

  • Accumuli e infezioni: succede a quasi tutte le mamme di avere accumuli di latte. I motivi possono essere diversi: il bambino salta un pasto, contro le sue abitudini, oppure vuole poppare solo da un seno. Il seno interessato diventa caldo e turgido e fa male. Attenta agli accumuli: possono trasformarsi in un’infezione. I tentativi di svegliare il bimbo e di indurlo a bere si concludono spesso con insuccesso. Fai degli impacchi caldi e fai fuoriuscire il latte con la mano in tutte le direzioni. Smetti quando i dolori sono spariti del tutto. Se non riesci a far uscire il latte con la mano, puoi usare una pompetta,. Anche se adesso non senti più dolore, potresti sentire i brividi della febbre. Mettiti al caldo a letto e dormi un po’. Un’infezione al seno non si può sempre evitare. Se hai i brividi, la febbre alta, dolori alla testa e agli arti, dovresti farti visitare dal ginecologo. Importante: anche con una mastite non si deve obbligatoriamente smettere di allattare. Puoi curarti con medicine omeopatiche e tenere il seno al caldo con docce, infrarossi o impacchi, per permettere una circolazione migliore del latte. In alcuni casi aiutano solo gli antibiotici: se è così, valuta con il tuo ginecologo se smettere di allattare per un po'.

  • Capezzoli piatti: anche le donne con capezzoli piatti o verso l'interno possono allattare. Ci sono esercizi che possono aiutare già durante la gravidanza a far fuoriuscire i capezzoli. Si possono anche usare cappucci per l’allattamento.

  • Gemelli: saziare due bimbi è sicuramente stressante, ma si può fare. Anche in questo caso l'offerta risponde alla domanda. Se hai due gemelli, puoi farli bere addirittura contemporaneamente: è meno impegnativo che preparare biberon dieci volte al giorno.

  • Non c’è pace: succede spesso che i fratellini più grandi diano segnali di gelosia proprio durante l'allattamento. Cosa fare? Mantenere i nervi saldi. Questi problemi vanno via da soli.

  • Lavoro: molte donne dopo la maternità devono tornare al lavoro. In quel caso possono tirarsi il latte e farlo dare al piccolo col biberon. Cerca di sfruttare anche la pausa pranzo per stare col piccolo. Le mamme che allattano comunque hanno diritto a pause per allattare durante il lavoro.

Vuoi saperne di più? Vai allo speciale sull'allattamento

Vuoi confrontarti con altre neomamme alle prese con l'allattamento? Entra nel forum

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli