Salute

4 motivi per cui allattare al seno fa bene alla mamma

Di Concetta Desando
allattamento-seno.180x120
5 maggio 2014
Riduce lo stress, rilassa, aiuta a bruciare i grassi ed è un anticoncezionale naturale: ecco quali sono i benefici che l’allattamento al seno apporta alla mamma, secondo gli esperti intervistati dalla rivista americana Fit Pregnancy

Allattare fa bene al piccolo, non c'è dubbio: il contatto con il corpo materno, l’apporto di nutrienti, la capacità di sviluppare il sistema immunitario del bebè sono tutte ragioni note sul motivo per cui l’allattamento al seno è preferibile. Probabilmente, però, non è altrettanto noto che fa bene anche alla mamma: non solo a livello psicologico, ma anche fisico. Ecco dunque, raccolti dalla rivista americana Fit Pregnancy, quali sono i quattro benefici sul corpo materno prodotti dall'ossitocina, l'ormone che favorisce l'allattamento. (Leggi anche I consigli per allattare bene)

 

1. Antistress

L’allattamento funziona come una pillola antistress: “incrementando i livelli di prolattina e ossitocina – spiega alla rivista la dottoressa Jennifer Hahn-Holbrook, assistente alla Chapman University – innalza la soglia di stress nelle mamme, dando loro una maggiore resistenza”. Le mamme che allattano, inoltre, secondo uno studio dell’Università della California, hanno mediamente la pressione molto più bassa di quelle che utilizzano il biberon e riescono a occuparsi con minore sforzo delle necessità del bebè. (Leggi anche Allattamento e stress)

 

2. Rilassante

Nonostante quelle levatacce alle tre di notte (che comunque anche le mamme che allattano con il latte artificiale devono fare, perché il biberon al piccolo va dato in ogni caso), le mamme che allattano riposano meglio. “L’ormone ossitocina rilasciato durante l’allattamento ha un effetto calmante”, spiega a Fit Pregnancy Amy Spangler, ostetrica e consulente d’allattamento autrice di “Breastfeeding: A Parent’s Guide”. L’effetto è quello di una camomilla, ed è dunque molto più facile riaddormentarsi dopo aver allattato al seno: “è un esempio lampante – sottolinea la Spangler – di come l’allattamento al seno protegga il corpo materno”. (Sai tutto sull'allattamento? Fai il quiz)

 

3. Brucia grassi

Una mamma che allatta brucia circa 500 calorie in più al giorno per produrre il latte, e quindi se si segue una dieta normale è probabile che si perda un po’ di peso. Bisogna però fare attenzione ad assorbire calcio a sufficienza: “Mangiate cereali integrali, verdura e cibi ricchi in calcio – consiglia l’ostetrica e consulente d’allattamento Laurie Beck, ex presidente dell’U.S. Lactation Consultant Association -. Il latte materno, infatti, è ricco di calcio, e se non ne assumente abbastanza con la dieta potreste diventarne carenti. Quindi, se non bevete latte, dovete ricavare il calcio da formaggio, yogurt, verdure a foglia scura come spinaci, oppure succo d’arancia e cereali arricchiti”. (Potrebbe interessarti Spuntini veloci per l'allattamento)

 

4. Anticoncezionale

La prolattina, la cui produzione viene stimolata quando il neonato succhia il latte, “può inibire il ciclo mestruale – sottolinea il pediatra Jack Newman, autore di “The Ultimate Breastfeeding Book of Answers” – e se una neomamma allatta esclusivamente al seno per almeno un anno, non avrà più il ciclo mediamente per 14 mesi”. Attenzione, però: anche in assenza di mestruazioni c’è comunque sempre un certo rischio di rimanere nuovamente incinte. (Leggi Contraccezione durante l'allattamento)

 

Ti potrebbe interessare: