Home Neonato Allattamento

Allattamento a rischio, cos'è e come fare domanda

di Sveva Galassi - 30.10.2021 - Scrivici

mamma-che-allatta
Fonte: Shutterstock
Come comportarsi nel caso di lavori potenzialmente rischiosi per la donna che sta allattando? Vediamo nello specifico come si ottiene la modifica della mansione o l'astensione dal lavoro per "allattamento a rischio".
Sono ormai noti i numerosi vantaggi dell'offerta di latte materno al neonato. È però anche risaputo che la mamma che allatta naturalmente deve condurre uno stile di vita sano, per garantire la buona qualità del latte e per evitare possibili danni al neonato.
 
Ciò significa che la neomamma deve proteggersi anche sul luogo di lavoro, evitando forti stress e l'esposizione ad agenti chimici, fisici, biologici ad alto rischio. Per questo motivo la legge tutela le donne che hanno un contratto lavorativo regolare con il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151, che si chiama anche "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternita' e della paternita', a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53".
 
Questo decreto prevede che il datore di lavoro si accerti che nel luogo di lavoro non vi siano pericoli per l'allattamento oppure, se esistono, che vengano modificate le mansioni della lavoratrice o che sia dispensata temporaneamente dal lavoro. Vediamo nello specifico di cosa si tratta, a chi è rivolto e come si ottiene la modifica della mansione o l'astensione dal lavoro per "allattamento a rischio".

In questo articolo

Allattamento a rischio, cos'è

Con l'espressione allattamento a rischio si intende l'allattamento svolto in situazioni lavorative che possono compromettere la salute della neomamma e, quindi, del suo latte. In tal caso, la neomamma lavoratrice può chiedere di fare un lavoro diverso o, se non è possibile, di restare a casa fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro.

Infatti, secondo il decreto la lavoratrice è addetta ad altre mansioni per il periodo per il quale è previsto il divieto oppure è spostata ad altre mansioni nei casi in cui i servizi ispettivi del "Ministero del lavoro", d'ufficio o su istanza della lavoratrice, accertino che le condizioni di lavoro o ambientali sono pregiudizievoli alla salute della donna.

Quando la lavoratrice non può essere spostata ad altre mansioni, il servizio ispettivo del Ministero del lavoro, competente per territorio, può disporre l'interdizione dal lavoro.

I settori lavorativi maggiormenti coinvolti sono la ristorazione e l'agricoltura (per la possibilità di assumere posture obbligate, di restare a lungo in ambienti troppo caldi o a contatto con vari agenti), il settore industriale (per la possibile esposizione ad agenti chimici o biologici); il settore alberghiero o domestico (per la possibilià di posture obbligate o di contatto con agenti chimici), la sanità; la scuola e i lavori come quello di parrucchiera o estetista (per il potenziale contatto con agenti chimici). 

Allattamento e lavoro, i principali fattori di rischio

I maggiori fattori di rischio per l'allattamento sono tre. Ecco, specificamente, quali sono. 

1. Agenti fisici: se la neomamma è esposta a radiazioni, a rumori molto forti (sopra i 90 decibel) oppure a forti sollecitazioni termiche (caldo o freddo ecessivi), può essere tutelata nei mesi dopo il parto. La neomamma può fruire dell'allattamento a rischio anche se è sottoposta a vibrazioni come accade sui treni, sulle navi.

2. Agenti biologici: se la neomamma lavora in reparti di malattie infettive, mentali o nervose, oppure se lavora in allevamenti di bestiame ha la possibilità di fruire di allattamento a rischio.

3. Agenti chimici: se la neomamma è esposta ad agenti chimici, gas, polveri, al mercurio e ai suoi derivati, ai medicamenti antimitotici, ai pesticidi, alle sostanze tossiche o nocive può fruire della tutela legata all'allattamento a rischio.

In particolare, l'articolo 7 (Lavori vietati) della normativa citata dichiara che è vietato adibire le lavoratrici (durante la gestazione o nella fase di allattamento subito dopo il parto) al trasporto e al sollevamento di pesi, nonchè ai lavori pericolosi, faticosi ed insalubri.

Tra i lavori pericolosi, faticosi, insalubri ci sono anche:

  • «quelli che espongono alla silicosi e all'asbestosi;
  •  lavori che comportano l'esposizione alle radiazioni ionizzanti (da evitare durante la gestazione e per 7 mesi dopo il parto);
  • i lavori su scale ed impalcature mobili e fisse (da evitare durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro);
  • i lavori di manovalanza pesante (da evitare durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro);
  • i lavori che comportano una stazione in piedi per più di metà dell'orario o che obbligano ad una posizione particolarmente affaticante (da evitare durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro);
  • i lavori con macchina mossa a pedale, o comandata a pedale, quando il ritmo del movimento sia frequente, o esiga un notevole sforzo (da evitare durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro);
  • i lavori con macchine scuotenti o con utensili che trasmettono intense vibrazioni (da evitare durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro);
  • i lavori di assistenza e cura degli infermi nei sanatori e nei reparti per malattie infettive e per malattie nervose e mentali (durante la gestazione e per 7 mesi dopo il parto);
  • i lavori agricoli che implicano la manipolazione e l'uso di sostanze tossiche o altrimenti nocive nella concimazione del terreno e nella cura del bestiame (da evitare durante la gestazione e per 7 mesi dopo il parto);
  • i lavori di monda e trapianto del riso (da evitare durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro);
  • lavori a bordo delle navi, degli aerei, dei treni, dei pullman e di ogni altro mezzo di comunicazione in moto (da evitare durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro)».

Per ulteriori informazioni si rimanda al testo del decreto.

Come fare domanda

Se il datore di lavoro ha verificato che vi sono rischi per la neomamma e può modificare la mansione della lavoratrice, occorre presentare la domanda alla Direzione Provinciale del Lavoro tramite i moduli presenti sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. 

Se non si può affidare una mansione diversa alla lavoratrice, quest'ultima può comunque chiedere l'astensione dal lavoro fino al settimo mese, inoltrando una comunicazione scritta sempre alla Direzione Provinciale del Lavoro. 

In tal caso la retribuzione è sempre del 100 per cento ed è erogata dal datore di lavoro (rimborsato dall'Inps). 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli