Home Neonato Allattamento

Anestesia e allattamento: rischi per il bambino?

di Francesca Capriati - 27.08.2022 - Scrivici

anestesia-e-allattamento
Fonte: shutterstock
Anestesia e allattamento: dopo anestesia quando allattare? I rischi dell'anestesia totale e locale, dal dentista e per procedure mini invasive

Anestesia e allattamento

Che sia un intervento di estrazione di un dente - che richiede, quindi, solo una anestesia locale - oppure una procedura chirurgica più importante e magari urgente, i dubbi che riguardano l'anestesia sono sempre molti. E quando si allatta al seno il primo pensiero corre alla salute del bambino: l'anestesia e l'allattamento sono compatibili? Che rischi ci sono che i farmaci possano arrivare al bambino attraverso il latte materno?

In questo articolo

Quando si può allattare dopo l'anestesia?

In genere viene consigliato di aspettare 24 ore per poter riprendere ad allattare al seno. Questo per consentire di "scaricare" eventuali farmaci dell'anestesia in modo da non contaminare il latte. Tuttavia questo approccio sembra essere ormai superato e numerose revisioni suggeriscono che i farmaci sedativi utilizzati per l'anestesia non hanno effetti sul bambino. Quindi viene generalmente consigliato di ricominciare ad allattare non appena la donna si sente vigile ed è in grado di sostenere il bambino durante la poppata.

Le più recenti linee guida sono chiare: l'allattamento al seno è sicuro non appena la madre è vigile e in grado di allattare e non è necessario eliminare il latte materno per paura della contaminazione, poiché le prove dimostrano che i farmaci antidolorifici anestetici e non oppioidi vengono trasferiti al latte materno solo in quantità molto piccole.

Discorso diverso per farmaci come oppioidi e benzodiazepine che dovrebbero essere usati con cautela.

Cosa succede se allatto dopo anestesia?

Secondo l'American Association of Nurse Anesthesiology (AANA), la maggior parte dei farmaci anestetici sono sicuri durante l'allattamento e in genere solo dall'1% al 2% dei farmaci somministrati alla madre sono poi presenti nel latte materno, e comunque in quantità troppo basse per poter danneggiare il bambino.

Come spiega Janice Izlar, "Molti studi hanno scoperto che l'uso dell'anestesia generale e dei farmaci più comunemente usati per alleviare il dolore sono sicuri e non dovrebbero interferire con l'allattamento al seno perché solo tracce minime dell'anestetico vengono trasmesse attraverso il latte materno".

Quindi la mamma che allatta dovrebbe essere autorizzata ad allattare al seno non appena è sveglia e cosciente dopo l'anestesia generale.

Anestesia dentista e allattamento

Se dobbiamo sottoporci ad una procedura dal dentista, come un'estrazione dentaria ad esempio, possiamo stare tranquille: non è necessario interrompere l'allattamento. La maggior parte dei farmaci utilizzati per la sedazione orale sono considerati compatibili con l'allattamento al seno.  

E' stato, infatti, dimostrato che la lidocaina e la maggior parte delle forme di sedazione dentale non lasciano traccia nel latte materno e quindi non si rende necessario né sospendere l'allattamento, né scaricare il latte prima dell'intervento.

Anestesia locale in allattamento per togliere neo

Anche in questo caso si tratta di un'anestesia locale che non ha alcuna controindicazione per quanto riguarda l'allattamento, che pertanto non va sospeso.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli