Home Neonato Allattamento

Birra in allattamento: si può bere?

di Niccolò De Rosa - 07.10.2021 - Scrivici

birra-in-allattamento
Fonte: Shutterstock
Si può bere la birra in allattamento? Ed è vero che farlo aumenta la produzione di latte? Facciamo un po' di chiarezza

Va bene, durante la gravidanza è decisamente meglio evitare l'alcol, ma la regola vale anche quando si allatta? E se sì, vale proprio per tutti gli alcolici o la birra, come pensano molti, fa eccezione? La questione è più dibattuta di quello che si possa credere, ma alla fine la scienza ha già dato una risposta ben precisa...

Birra in allattamento: si può?

Poichè ricca di sali minerali e generalmente dotata di un tasso alcolemico inferiore rispetto a vini o distillati vari, spesso la birra viene considerata un alcolico "buono", meno dannoso per la salute, tanto da poter essere consumato con maggior leggerezza anche durante fasi delicate come l'allattamento. Anzi, negli ultimi decenni è stata alimentati da più parti la credenza che la birra scura, se bevuta nel periodo dell'allattamento, possa aumentare la produzione di latte materno.

In realtà però, benché la scienza stessa abbia ne riconosciuto molte proprietà benefiche, la birra rimane in tutto e per tutto una bevanda alcolica e dunque sarebbe decisamente meglio evitarla.

Perchè (anche) la birra può far male al bimbo?

Come ricorda la Fondazione Umberto Veronesi, l'etanolo - l'alocl etilico contenuto nelle bevande come la birra - e il suo metabolita acetaldeide, viene ceduto al bimbo attraverso il latte e questo può rappresentare un pericolo per la salute del pargolo. Infatti, se è dimostrato che la concentrazione di alcol presente nel latte è molto inferiore rispetto a quella assunta dalla madre (meno del 5-6% della dose materna per peso corporeo), è altrettanto vero che l'assunzione ripetuta o le tempistiche (es: allattare poco dopo aver bevuto) potrebbero aumentare i fattori di rischio.

Tra i possibili effetti collaterali dati dall'assunzione di birra in allattamento troviamo:

Questo vuol dire che bere una birra durante l'allattamento equivale ad una condanna per il nostro bimbo? Ovviamento no, ma bisogna comunque stare attenti e considerare la "bevuta" come uno sgarro una tantum (quindi piuttosto raro).

Bere sì, ma acqua!

L'idratazione è fondamentale durante la fase d'allattamento. Circa l'85% della composizione del latte materno è rappresentato da acqua, dunque serve reintegrare a dovere i liquidi.

Importante dunque bere almeno due litri d'acqua al giorno. Anche infusi e tisane vanno bene, a patto che non siano troppo zuccherate.

È vero che bere birra durante l'allattamento aumenta il latte?

Questa credenza è molto diffusa ma non solo appare scientificamente infondata, ma anzi bere birra durante l'allattamento potrebbe sortire l'effetto opposto.

«Alcuni studi infatti - scrive l'Istituto Superiore di Sanità (ISS) nella sezione per sfatare i falsi miti riguardanti la nostra salute- dimostrano che il luppolo e il malto contenuto nella birra non hanno l'effetto di aumentare la produzione del latte nella donna. Dopo il parto, la montata lattea accade fisiologicamente, mentre il mantenimento della produzione di latte si ha soprattutto in risposta alla suzione del bambino. Allattare il piccolo con frequenza e regolarità in risposta alle sue necessità, senza seguire orari dittatoriali, è il miglior modo di mantenere una buona produzione di latte. Non esistono alimenti presunti induttori della produzione di latte»

Ma non finisce qui. In alcuni casi infatti l'assunzione di etanolo da parte della mamma può alterare i livelli di ossitocina, l'ormone che favorisce l'eiezione del latte, dimunendo dunque (e non aumentando) l'apporto di latte a disposizione del bebè.

Domande e risposte

La birra in allattamento aumenta la produzione di latte?

No, si tratta di un falso mito. Anzi, potrebbe sortire l'effetto opposto.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli