Contrazioni post parto

I morsi uterini

allattamnto-neonato
10 Ottobre 2011
Sono contrazioni uterine che si verificano nei giorni immediatamente successivi al parto e servono a riportare l’utero alla sue dimensioni normali. Ad avvertirle maggiormente sono le pluripare. Ecco come alleviare il fastidio.
Facebook Twitter More

Che cosa sono.

I morsi uterini sono contrazioni della muscolatura uterina del tutto fisiologiche, che interessano la donna subito dopo il parto. A differenza delle contrazioni del travaglio, che comportano un’alternanza tra contrazione e rilascio della muscolatura, i morsi uterini sono caratterizzati da una contrazione continua, anche se si avvertono maggiormente in certi momenti.

Quanto durano.

Sono più intensi nei primissimi giorni dopo il parto per poi diminuire gradualmente, fino ad esaurirsi entro 40 giorni dalla nascita del bebè.

Perché vengono.

“Dopo il parto è necessario che i muscoli uterini si contraggano, sia per riportare l’utero alle sue dimensioni normali (anche se dopo una gravidanza l’utero non torna mai al suo volume originario), sia per consentire nel più breve tempo possibile la cessazione del sanguinamento che si verifica dopo il secondamento (ossia dopo la fuoriuscita della placenta)” spiega Manuela Wally Ossola, Responsabile Patologia della Gravidanza presso la Clinica Mangiagalli di Milano. “Dopo il secondamento infatti restano delle bocchette vascolari aperte, che le contrazioni, facendo accorciare progressivamente le fibre muscolari, aiutano a richiudere”.

Si percepiscono soprattutto quando si allatta.

Una caratteristica dei morsi uterini è che si percepiscono in special modo durante l'allattamento. La suzione infatti stimola la produzione di un ormone, l’ossitocina, che a sua volta stimola le contrazioni uterine. Un motivo in più per cominciare ad allattare il bebè il più presto possibile, in modo da indurre subito delle contrazioni che, pur se fastidiose, sono molto utili. Va specificato che le contrazioni si verificano anche nelle donne che non allattano al seno, anche se la suzione, per così dire, dà un ‘aiutino’ che accelera il processo.

Più intensi al secondo parto.

I morsi uterini si avvertono in modo più lieve – alcune donne neanche se ne accorgono – dopo il primo parto, mentre sono più intensi con i parti successivi. “Questo perché la componente fibro-muscolare dell’utero è diversa rispetto a quella di una donna che non ha mai partorito altre volte, pertanto la contrazione produce un maggior dolore” commenta la ginecologa.

Come alleviarli.

In genere si tratta di dolori sopportabili, simili a dolori mestruali. Solo se il fastidio è particolarmente accentuato, si può ricorrere a blandi analgesici come il paracetamolo. Da usare con più parsimonia gli antispastici, perché potrebbero inibire delle contrazioni che invece hanno una precisa funzione benefica.

Leggi anche: Allattamento senza problemi, Il latte della mamma non si scorda mai, Controlli alla nascita

Vuoi conoscere altre mamme? Entra nel forum!