Latte artificiale

Latte in polvere: prezzi troppo alti rispetto all'estero

latte-artificiale-biberon
21 Maggio 2014
Fari ancora accesi sul prezzo del latte in polvere, troppo alto rispetto a quello del resto d'Europa. E' tornato sul tema a inizio maggio Max Laudadio di Striscia La Notizia, con un servizio su un tipo di latte artificiale che costa 10 volte di più rispetto all'estero. Un rimedio per calmierare i prezzi? Secondo l'Antitrust, la trasparenza nei prezzi.
Facebook Twitter Google Plus More

E' ritornato a parlarne Max Laudadio in un servizio di Striscia la Notizia andato in onda lo scorso 7 maggio: il prezzo del latte in polvere in Italia resta troppo alto rispetto alla media europea. In particolari i riflettori questa volta si sono accesi su un latte interamente mutuabile, (quindi a carico del sistema sanitario nazionale). Si chiama "Heparon Junior" ed è utilizzato da bambini con problemi di fegato. In Germania questo latte artificiale costa 12 euro, in Inghilterra 17 e in Italia 112 euro, un prezzo quasi dieci volte superiore.

Laudadio ha interpellato Marco Oreglio, Quality Assurance Manager dell'azienda produttrice del prodotto "Heparon Junior". Il responsabile, vedendo due scatole di latte in polvere comprate una su internet all'estero e l'altra in farmacia in Italia, ha ammesso di avere davanti lo stesso prodotto. E la differenza di prezzo così alta tra le due confezioni di latte? Sarebbe dovuta alla differenza dei volumi di vendita. In Italia questo particolare latte per bimbi con problemi di fegato ha uno scarso volume commerciale e poco mercato.

 

Guarda il servizio completo sul sito di Striscia

 

 

 

 

Prezzo del latte artificiale: come intervenire?

Lo scorso 12 maggio il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, come riportato sul sito di Striscia, dopo essere venuta a conoscenza della vicenda, ha dichiarato: "Vorrei che l'Autorità garante si attivasse in modo rigoroso su questo tema, su un'azione di regolazione dei prezzi perché se i prezzi sono questi non vanno bene. Ci adopereremo in modo incisivo, nei confronti dell'Autorità per la Concorrenza, l'AGCM, perché facciano il loro mestiere e mantengano il loro ruolo".

Nel frattempo l'AGCM ha segnalato l'utilità di rendere trasparenti i dati sui prezzi, raccogliendoli e diffondendoli, in modo da poterli tenere sotto controllo. "Parliamo di una variazione di prezzi di 50, 60, 70 euro, è una situazione ingiustificabile, quindi una variazione grandissima. Non vorrei fare l'off-label del latte in polvere, mi piacerebbe - ha aggiunto il Ministro - che questa cosa si risolvesse nel suo sito che è quello del controllo della garanzia della libera concorrenza del mercato e che non ci siano azioni di cartello su una delle tematiche che stanno più a cuore alle donne italiane".

 

Le aziende produttrici di latte in polvere sono già state multate nel 2005

Già in passato, nel 2005, l'Authority aveva sanzionato le principali aziende multinazionali che producono il latte in polvere per neonati. Le aziende erano state ritenute colpevoli di aver realizzato "un'intesa che ha avuto ad oggetto ed effetto una significativa e consistente alterazione della concorrenza, consistente in un coordinamento delle loro politiche commerciali, e determinando il mantenimento di prezzi assai più elevati rispetto agli altri mercati europei, in violazione dell'articolo 81 del Trattato UE". I sette maggiori produttori di latte in polvere sono stati sanzionati con una multa totale di quasi dieci milioni di euro.

La motivazione è stata proprio la grande differenza di prezzo del latte artificiale in Italia e in Europa: "Il differenziale tra i prezzi italiani e i correlativi prezzi all’estero nel canale farmaceutico è stato, nella maggioranza dei casi, maggiore del 150%, con punte di oltre il 300% per i latti di partenza, nonché maggiore del 100%, con punte di oltre il 200%, per i latti di proseguimento."

 

Codacons: risarcimento per prezzo del latte artificiale gonfiato

Articolo32, l'Associazione del Codacons specializzata nella tutela del diritto alla salute, offre la possibilità di agire per ottenere il risarcimento dei danni derivanti dall'acquisto del latte in polvere ad un costo nettamente superiore a quello del resto dell'Europa. Se potete dimostrare di aver acquistato un latte in polvere a prezzo gonfiato, andate sul sito di Codacons/Articolo32, per compilare il form online ed esporre il vostro caso.

Vai sul sito Codacons/Articolo32, prezzo del latte artificiale

Articoli correlati: