Attrezzatura

Fascia portabebè, il modo più sicuro per portare il bambino

fascia-portabebe
17 Maggio 2013
Abituarsi alla fascia portabebè all'inizio non è facile però è il modo più sicuro e pratico per trasportare un neonato, purché sia legata nel modo corretto.
Facebook Twitter Google Plus More

Abituarsi alla fascia portabebè all'inizio non è facile però potrebbe valerne la pena. E' infatti il modo più sicuro e pratico per trasportare un neonato, purché la fascia sia legata nel modo corretto.

Esistono diverse tecniche per annodare la fascia che variano in base all'età del bambino: sulla pancia, su un fianco o sulla schiena. Le fasce si adattano perfettamente alla struttura corporea di chi le trasporta.

La fascia portabebè deve essere lunga almeno 4 metri e il tessuto deve essere intrecciato in diagonale in modo tale da sorreggere sempre la schiena del bambino. Il bambino non deve essere tenuto troppo in basso, altrimenti la schiena di chi lo trasporta si affatica inutilmente. Se si opta per la fascia in posizione frontale, il sederino del bambino deve essere sopra l'ombelico di chi lo trasporta. È importante anche che le gambe del bambino siano sempre ben piegate e che non pendano verso il basso.

La stoffa usata per la fascia dovrebbe essere tinta con colori naturali. Meglio fare l'acquisto da produttori conosciuti, in grado di garantire la resistenza del tessuto.

Se vuoi risparmiare considera il mercato dell’usato, potrai trovare fasce praticamente nuove o in buono stato a un prezzo decisamente inferiore rispetto al nuovo. Molti genitori infatti comprano le fasce ma poi non riescono a usarle. Se hai dei dubbi sulla posizione corretta, chiedi consiglio alle ostetriche o ai negozi di attrezzatura per bambini.

(Articolo tratto da Eltern)

Guarda anche:

 

 

Hai ancora dei dubbi? Confrontati con altri genitori, basta iscriversi alla community