Fascia

Marsupi e fasce: i vari tipi

Di Valentina Meschia
09 Aprile 2015
Supporti strutturati o non strutturati.  Oggi sul mercato è presente una gamma molto ampia di marsupi e fasce portabebè e non sempre è facile scegliere il supporto adatto alle proprie esigenze. Ecco i cinque tipi tra i quali scegliere.
Facebook Twitter Google Plus More
amazonas-mei-tai-blueberry-zoom

Mei Tai
Molto utilizzati nei paesi asiatici, hanno origine antica. Costituiti da un pezzo di tessuto quadrato che sostiene il corpo del pargolo e da strisce di tessuto utilizzate per legare il bimbo al corpo di mamma o papà incrociandole sulle spalle, passando poi sotto il sederino del bambino. Per permettere la corretta regolazione delle strisce in modo che avvolgano e sostengano il corpo del piccolo in maniera ideale, la legatura deve essere fatta con il bebè nel supporto.

amazonas-ring-sling-lollipop-zoom

Fasce portabebè ad anelli
Sono fasce ad amaca (dette anche Ring Sling), corte con una coppia di anelli a una delle due estremità. Si regola la lunghezza, regolando i lembi di tessuto infilato negli anelli: in questo modo la fascia aderisce perfettamente al corpo sia del bambino che del portatore. Il bebè è adagiato in un’amaca di tessuto che il genitore porta a tracola.

marsupioergonomico

Marsupi Ergonomici
Son una via di mezzo tra le fasce e i marsupi tradizionali. Più tecnici rispetto alle fasce o ai mei tai. Grazie al loro design bambino e genitore traggono beneficio sia dai vantaggi tipici dell’utilizzo della fascia come l’ottima distribuzione del peso su busto e schiena, lo stretto contatto, la posizione fisiologica e la possibilità di diverse posizioni, che da quelli di un supporto portabebè più strutturato, ma di utilizzo immediato

fasciaportabebelungarigida

Fasce portabebè lunghe rigide
Sono teli di cotone spesso e non presentano fibbie, anelli, bottoni, nodi. Larghezza circa 70 cm e lunghezza dai 4 ai 5 metri. Si avvolgono e si legano attorno al corpo del bambino e del portatore in modo da garantire un sostegno comodo e confortevole sia per entrambi.

fascialungaelastica

.Fasce portabebè lunghe elastiche
Sono morbidi teli di jersey elasticizzato e non presentano fibbie, anelli, bottoni, nodi. Si legano attorno al corpo del bambino e del portatore garantendo comodità e comfort sia al bambino che al genitore.

wrap

Come scegliere un buon supporto porta bebè

Bambino: sostegno ottimale della colonna vertebrale, della testa, posizione divaricata-seduta delle gambine (a rana) -> anche divaricate, ginocchia più alte rispetto al sederino e colonna vertebrale leggermente convessa (posizione a M).

Portatore: il bambino deve stare “alto” (sopra l’ombelico) e “vicino” (non devono esserci spazi tra i due corpi); massima libertà di movimento (le braccia/mani non devono sostenere il piccolo).

Caratteristiche supporto: adattabilità nel tempo (età e peso); versatilità (diverse posizioni); praticità d’uso; qualità del materiale (meglio cotone biologico privo di sostanze nocive); estetica (design e colore).

Mei Tai
Molto utilizzati nei paesi asiatici, hanno origine antica. Costituiti da un pezzo di tessuto quadrato che sostiene il corpo del pargolo e da strisce di tessuto utilizzate per legare il bimbo al corpo di mamma o papà incrociandole sulle spalle, passando poi sotto il sederino del bambino. Per permettere la corretta regolazione delle strisce in modo che avvolgano e sostengano il corpo del piccolo in maniera ideale, la legatura deve essere fatta con il bebè nel supporto.
Facebook Twitter Google Plus More