Neonati

Coliche, e se fosse colpa del latte?

seno_mamma_allattamento
08 Maggio 2013
Se la mamma allatta al seno si consiglia di solito una dieta di eliminazione che prevede di togliere non solo il latte e i suoi derivati, ma anche altri alimenti potenzialmente allergizzanti. Se invece il bambino è allattato al biberon, per alleviare le coliche si possono provare latti più digeribili.
Facebook Twitter Google Plus More

Tra i colpevoli delle coliche viene chiamata in causa anche l’allergia alimentare. “Ha senso sospettare un’allergia solo se sulla cute compare un’eczema e se c’è almeno un familiare di primo grado con accertata allergia” mette in evidenza il prof. Arrigo Barabino, primario di gastroentologia pediatrica presso l'Ospedale Gaslini di Genova.

“Se la mamma allatta al seno il suo bambino, si consiglia di solito una dieta di eliminazione, che prevede di togliere non solo il latte e i suoi derivati, ma anche altri alimenti potenzialmente allergizzanti, come uova, pesce, frutta secca. Si è visto che effettivamente in questo modo c’è una riduzione del tempo di pianto, ma non è un beneficio sufficiente a giustificare una dieta così spinta, che a lungo andare provoca carenze nell’alimentazione materna. Non è invece assolutamente dimostrato che l’assunzione da parte della mamma di alimenti come i legumi o certi tipi di ortaggi, come i cavolfiori, favoriscano le coliche gassose”.

Se è allattato al biberon. Se il bambino è allattato al biberon, per alleviare le coliche si possono provare latti più digeribili, con basso contenuto di lattosio, proteine lievemente predigerite e una discreta quantità di prebiotici, come i galattoligosaccaridi e fruttoligosacaridi (sigle GOS e FOS), e ricchi di garssi come l’acido betapalmitico, sostanze presenti naturalmente nel latte umano, che favoriscono la produzione di una flora intestinale simile a quella che si produce con il latte materno e rendono più morbide le feci, facilitando l’evacuazione. Per questo motivo sono utili anche in caso di stitichezza. Se invece si sospetta un’allergia di tipo alimentare, si può arrivare a formule dietoterapiche, in cui le proteine sono idrolisate, cioè ‘spaccate’ in tanti piccoli pezzi in modo da neutralizzare il loro potere allergizzante. I loro lati negativi? Sono piuttosto costosi e dal sapore non proprio buono. Si può fare un tentativo di circa 2 settimane; se le coliche regrediscono si continua con tale latte, se non si modificano si ritorna alla formula di partenza.

(Consulenza: prof. Arrigo Barabino, primario di gastroenterologia pediatrica presso Ospedale Gaslini di Genova)

Leggi anche:

Coliche, tutti i consigli

Le cause delle coliche

Che cosa fare se il bebè ha le coliche

Consigli pratici

I trattamenti farmacologici

Vuoi chiedere consiglio ad altre neo mamme o al nostro pediatra di fiducia? Iscriviti subito alla community