Salute

Coliche lattanti, si curano con i fermenti

Di Nostrofiglio Redazione
bh0g67.600
30 dicembre 2010 | Aggiornato il 1 giugno 2015
Uno studio condotto presso l’ospedale Regina Margherita di Torino, pubblicato sulla rivista Pediatrics, segnala l’efficacia del Lactobacillus reuteri somministrato ai bimbi di donne che allattano al seno e ne chiarisce il meccanismo d’azione.

Sono stati a confronto due gruppi di bambini allattati al seno e che soffrivano di coliche: il primo gruppo ha ricevuto per tre settimane il lattobacillo mentre il secondo un placebo.

 

Ebbene, dalla ricerca condotta all’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino dall’equipe del Francesco Savino, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Pediatrics, è emerso che l'aggiunta del fermento vivo Lactobacillus reuteri è molto efficace e migliora notevolmente tutti i sintomi negativi già a partire dal settimo giorno di cura, con una riduzione della durata media di pianto di circa il 75% (da 370 a 95 minuti al giorno).

 

Il miglioramento è stato riscontrato anche nelle settimane successive: dopo 21 giorni di trattamento, il tempo medio delle crisi di pianto nel gruppo di bambini che prendevano il Lactobacillus reuteri era ridotto del 90%. Al contempo è stata confermata anche la piena sicurezza e tollerabilità dei fermenti lattici da parte dei neonati.

 

Scarica l'articolo Il lactobacillus reuteri e le coliche del lattante di Francesco Savino, dipartimento di scienze pediatriche e dell'adolescenza, Università di Torino, Ospedale infantile Regina margherita

 

Leggi anche l'articolo Coliche, che cosa si può fare e guarda i video Prime settimane col bebè 1 e Prime settimane col bebè 2