Salute bambini

Argento proteinato: che cos'è e come si usa

neonato-raffreddore
23 Ottobre 2013
E' un preparato a base di argento, piuttosto diffuso tra le mamme poiché si ritiene abbia proprietà antinfiammatorie ed antibatteriche, in grado di liberare il naso chiuso in caso di raffreddori. In realtà, ad oggi non vi sono dimostrazioni scientifiche sulla sua utilità.
Facebook Twitter More

Che cos’è l'argento proteinato

L’argento proteinato è un preparato a base di argento, al quale vengono attribuite proprietà antinfiammatorie e antibatteriche e proprio per questo viene usato prevalentemente per la ‘disinfezione’ del naso in caso di raffreddore, oltre che per disinfiammare le orecchie in caso di otiti.

Come si usa l'argento proteinato

Si acquista in farmacia come specialità da banco, senza quindi necessità di prescrizione medica. Lo si trova prevalentemente come gocce, nasali ed auricolari, e in genere si consiglia di applicare 2-3 gocce per 2-3 volte al giorno.

Viene proposto dopo i 6 mesi di età alla concentrazione 0,5%; ne esistono anche concentrazioni maggiori, ossia 1%, consigliato sopra i 4-5 anni e 2% sopra i 10. Non vi sono particolari controindicazioni all'uso, salvo specifiche e personali allergie.

L'efficacia dell'argento proteinato non è dimostrata scientificamente

L’argento proteinato è davvero efficace? “Ad oggi, non vi sono dimostrazioni scientifiche sulla efficacia dei prodotti a base di proteinato di argento” risponde Alberto Villani, responsabile dell'Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. “L'argento proteinato è un prodotto molto usato, e purtroppo prescritto, ma che non ha documentata validità. E' una delle tante inutili risposte alle pressanti richieste di soluzione di falsi problemi di salute.

In realtà non esistono prodotti, da poter usare con sicurezza nei bambini, in grado di ridurre le secrezioni nasali (nell'adulto è possibile applicare, con moderazione e per brevi periodi, prodotti decongestionanti o antiinfiammatori, ma nei bambini sotto i 12 anni sono controindicati). L'unico presidio disponibile di riconosciuta efficacia e sicurezza è la soluzione fisiologica, che può essere usata senza problemi per i lavaggi nasali anche nei neonati. (LEGGI ANCHE: FARMACI AI BAMBINI, ISTRUZIONI PER L'USO)

Purtroppo c'è sempre la ricerca del farmaco miracoloso perché non si ha la pazienza di attendere il naturale decorso di malattie banali, acute e che si risolvono in poco tempo, come i raffreddori.

Per quanto riguarda l’otite, invece, il medico, dopo accurata visita, può valutare se vi è indicazione alla terapia antibiotica.”