Home Neonato Cura e salute

Iperidrosi e disidrosi: quando i bambini sudano troppo

di Penelope Greco - 13.07.2021 - Scrivici

sudore-bambini
Fonte: Shutterstock
L'iperidrosi è una sudorazione eccessiva. I bambini sudano più degli adulti e lo fanno fino a cinque volte di più degli altri bambini.

Caldo e bella stagione portano i bambini a sudare ancora di più del solito. Ma ci sono alcuni bambini che sono affetti da iperidrosi e disidrosi. Vediamo di cosa si tratta e come comportarsi.

 

In questo articolo

Iperidrosi: quando i bambini sudano troppo

L'iperidrosi è un'eccessiva sudorazione. I bambini con iperidrosi sudano fino a cinque volte di più degli altri bambini. Il modo in cui il corpo si raffredda (sudore) va più veloce per i bambini con iperidrosi. Di conseguenza, il corpo produce più sudore del necessario per regolare la temperatura corporea. L'iperidrosi causa più spesso sudorazione nei palmi delle mani, nelle ascelle e nei piedi.

Esistono due tipi di iperidrosi:

  • Iperidrosi focale primaria.
  • Iperidrosi secondaria.

Iperidrosi focale primaria

Almeno un episodio ogni settimana di sudorazione eccessiva in un'area interessata. Mentre l'area interessata può variare, la sudorazione è sempre simmetrica con entrambi i lati del corpo colpiti allo stesso modo. La sudorazione influisce sulle normali attività quotidiane e si interrompe durante il sonno. Peggiora in situazioni stressanti e ambienti più caldi. La maggior parte dei bambini con iperidrosi ha un'iperidrosi focale primaria. I bambini con iperidrosi focale primaria hanno spesso membri della famiglia che soffrono di iperidrosi.

Iperidrosi secondaria

L'iperidrosi secondaria è causata da un'altra condizione come il diabete, l'obesità o alcuni farmaci. La sudorazione extra si verifica su aree più grandi del corpo e non si ferma durante il sonno. L'iperidrosi secondaria compare più spesso nell'età adulta.
L'iperidrosi può influenzare la qualità della vita di un bambino. Può essere imbarazzante e scomodo e può causare sentimenti di ansia. I palmi sudati possono rendere difficile tenere in mano una matita o completare fogli di lavoro a scuola. L'eccessiva sudorazione può influire sulla fiducia in se stessi di un bambino.

Le alterazioni della sudorazione possono essere quantitative o qualitative:

  • Quantitative: l'iperidrosi consiste nell'aumento della sudorazione, mentre l'ipoidrosi è un'anormale riduzione della sudorazione e l'anidrosi è un'incapacità di produrre o secernere sudore;
  • Qualitative: La bromidrosi consiste in sudorazione con cattivo odore, mentre la cromidrosi è una sudorazione con colore anomalo per eliminazione di sostanze colorate: sali di ferro, di iodio ecc.

La diagnosi

I dermatologi pediatrici possono eseguire i seguenti esami e test per diagnosticare l'iperidrosi:

  • Esame fisico. Un dermatologo esaminerà il corpo di tuo figlio e controllerà i segni vitali.
  • Storia clinica. Il dermatologo parlerà con te e tuo figlio di quando è iniziata l'eccessiva sudorazione, con che frequenza si verifica e come influisce sulla vita quotidiana di tuo figlio. Assicurati di descrivere come la sudorazione extra crei problemi a tuo figlio. Il medico farà anche domande su qualsiasi storia familiare di iperidrosi.

Come si cura

L'iperidrosi primaria è solitamente lieve e di facile risoluzione anche spontanea. Si possono utilizzare preparati antitraspiranti come creme, spray e polveri, che possono ridurre la sudorazione anche del 40-50% e di deodoranti il cui effetto battericida riduce il cattivo odore.
Nelle forme di iperidrosi moderata-grave ci sono altre opzioni terapeutiche che lo specialista deciderà di applicare caso per caso:

  • Terapia medica (ansiolitici e antiadrenergici) e anti-traspiranti a base di cloruro di alluminio;
  • Iniezioni di tossina botulinica;
  • Iontoforesi;
  • Simpaticectomia percutanea;
  • Simpaticectomia toracoscopica.

In questi ultimi anni si è diffusa la terapia con la tossina botulinica, infiltrata localmente in sedute ambulatoriali, che si è dimostrata efficace nelle iperidrosi soprattutto ascellari con un effetto duraturo di circa 6-11 mesi. 
Nei casi più gravi invece si ricorre alla chirurgia. L'intervento più usato è la simpatectomia toracica.

Disidrosi: che cos'è

La disidrosi è una malattia della pelle che si manifesta con delle lesioni pruriginose sui palmi delle mani e sui lati delle dita, ma può anche colpire le piante dei piedi. Le lesioni consistono in piccole bollicine raggruppate, piene di liquido sieroso trasparente, delle dimensioni della punta di una matita.
Nei casi più gravi, le bollicine possono unirsi tra loro e arrivare a formare bolle più grandi. Successivamente le bollicine si seccano e la pelle desquama rivelando una zona rosea–rossa fragile. La disidrosi può tornare periodicamente.

In passato si riteneva che la disidrosi fosse causata esclusivamente da un eccesso di sudorazione, ma in realtà non si sa con certezza quale sia la causa precisa. Sono invece noti dei fattori di rischio: 

  • lo stress
  • l'esposizione a determinati materiali (cromo, cobalto, nickel)
  • l'iperidrosi
In questo caso si può curare con creme o soluzioni disinfettanti ed essiccanti da applicare sulla pelle malata. Questa terapia medica va prescritta e seguita dal pediatra curante o dal dermatologo. 

Fonti articolo: Ospedale Bambino Gesu, Riley Childrens, Chop.edu

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli