Home Neonato Cura e salute

Bebè in posizione prona, benefici e strategie

di Sveva Galassi - 18.10.2021 - Scrivici

neonato-in-posizione-prona
Fonte: Shutterstock
Posizionare fin da subito i bebè in posizione prona è importante. Si tratta infatti di un ottimo modo per incoraggiarli al movimento e per aiutarli a rafforzare i muscoli.  Ecco  alcuni  approfondimenti  al  riguardo.

Perché è importante mettere il bebè in posizione prona? I bambini dovrebbero essere attivi fin dalla nascita: posizionare il neonato sdraiato, con la pancia appoggiata alle superfici, è un ottimo modo per fare in modo che si muova e per aiutarlo a rafforzare i suoi muscoli. 

È stato rilevato scientificamente che se i piccoli non trascorrono molto tempo a pancia in gù, possono impiegare più tempo nello sviluppo. Ciò significa che, se manca questo "passaggio", potrebbe essere necessario un po' di più per raggiungere importanti traguardi o fasi di sviluppo come:

Dando al bambino l'opportunità di rafforzare i muscoli attraverso la posizione prona, stimolerete al tempo stesso il suo sviluppo. Ecco alcuni approfondimenti al riguardo, realizzati dal Consiglio dei medici consulenti (Junta de Asesores Médicos) di Espanol.babycenter.com.

In questo articolo

Bebè in posizione prona, benefici e strategie

Mettere il bambino in posizione prona ha dei vantaggi? Sì, per il bebè giocare sdraiato sulla pancia ha molti benefici. Ecco quali sono. 

  1. Stare in posizione prona lo aiuta a rafforzare i muscoli della schiena e delle spalle.
  2. Gli dà anche l'opportunità di muovere le braccia e le gambe in un modo diverso.
  3. Lo aiuta a sviluppare le capacità motorie e ad imparare a "rotolare".

Man mano che cresce, il bebè cercherà di allungare le braccia verso l'alto. Questo movimento è fondamentale, è il "precursore" dei movimenti necessari per iniziare a gattonare e rafforzerà i muscoli di cui il bambino ha bisogno per iniziare a muoversi.

Il tempo che il bebè trascorre sullo stomaco rafforzerà anche i suoi muscoli del collo e lo aiuterà ad avere un migliore controllo della testa. Ciò significa che il piccolo sarà in grado di guardare in alto e di lato. Osservare l'ambiente circostante lo aiuterà a sviluppare la coordinazione e la capacità di seguire gli oggetti con gli occhi.

Se il bebè trascorre molto tempo sdraiato sulla schiena, la sua testa potrebbe essere leggermente appiattita su un lato. Trascorrere più tempo sulla pancia, invece, aiuta a prevenire ciò, alleviando la pressione diretta sulla parte posteriore della testa e aiutando il bebè a sviluppare una forma più arrotondata.

Infine, permettendogli di giocare sulla pancia, gli consentite anche di vedere il mondo da un punto di vista diverso. Guardare sempre il soffitto o le stesse bambole appese alla culla è molto monotono!

Quando si può iniziare a far stare il bebè a pancia in giù?

È possibile iniziare a mettere il bebè in posizione prona dopo la nascita, per brevi periodi di tempo. Ecco alcuni validi suggerimenti:

  1. Aspettate che il bebè sia felice, sveglio e vigile e, se ci sono queste premesse, provate a metterlo in posizione prona. Potete posizionarlo a faccia in giù su una coperta sul pavimento, sulle vostre gambe o tra le braccia. Non preoccupatevi se il bambino all'inizio è curvo e regge buona parte del peso sulla parte superiore del corpo e sul viso.
  2. Sebbene sia ancora piccolo, assicuratevi che non ci siano correnti d'aria e che gli animali non possano entrare nella stanza. Un cane o un gatto potrebbero spaventare il bambino.
  3. Iniziate lasciando il bebè in questa posizione solo per un paio di minuti. Fatelo due o tre volte al giorno e aumentate gradualmente il tempo in cui resta sdraiato sulla pancia.
  4. Osservatelo sempre da vicino quando è a pancia in giù e non mettete mai a terra il bebè in questo modo per farlo addormentare. Dormire a pancia in giù può infatti aumentare il rischio di "sindrome della morte improvvisa del lattante" (detta anche SIDS o SIDS).
  5. Man mano che il bebè diviene più forte e più vigile, inizierà a provare a muovere la testa. Entro la fine del terzo mese, sarà probabilmente in grado di sollevare la testa e di appoggiarsi sugli avambracci. Tenendolo frequentemente e abbastanza a lungo sulla pancia, lo aiuterete a raggiungere questo stadio del suo sviluppo.

Neonato in posizione prona, come incoraggiarlo a muoversi?

Il bebè non sarà in grado di muoversi molto all'inizio, ma potete incoraggiarlo gradualmente a muovere le braccia, le gambe e la testa. Ecco alcuni consigli:

  1. Quando è disteso a pancia in giù, accovacciatevi e avvicinatevi a lui in modo che sappia che siete vicini. Parlate con lui, emettete suoni divertenti o cantate per lui. Questo lo incoraggerà a iniziare a muovere la testa per vedervi. Potrebbe persino muovere le braccia e le gambe con eccitazione, mentre sente tutti i piccoli rumori divertenti che producete.
  2. Quando ha circa tre mesi, può provare a sollevarsi, allungando le braccia. Per divertirlo, scuotete un giocattolino sopra la sua testa. Questo gli farà alzare lo sguardo e proverà a spingere verso l'alto con le braccia per raggiungere il giocattolo.
  3. Quando avrà quasi sei mesi, avrà più forza nelle braccia, nelle spalle e nella schiena. Potete iniziare a tenere un giocattolo all'altezza dei suoi occhi, ma a breve distanza. Questo lo motiverà ad allungare completamente le braccia per raggiungere il giocattolo. Ma assicuratevi di non tenerlo troppo lontano, poiché il bebè non si divertirà se questo gioco diventa troppo frustrante per lui.

E se al bebè la posizione prona non piace?

All'inizio a molti neonati non piace restare in posizione prona. Può essere un'esperienza "strana" per lui e può anche dargli fastidio. Tuttavia, la cosa migliore che potete fare è perseverare e motivarlo a trascorrere un po' di tempo giocando a pancia in giù ogni giorno. Ecco alcuni suggerimenti:

  1. Iniziate mettendolo in questa posizione per brevi periodi di tempo, ad esempio un minuto o due, quindi rimettetelo sulla schiena. Provate a farlo un paio di volte al giorno. Scegliete i momenti in cui il piccolo è felice e vigile. Se non è di buon umore, metterlo in questa strana posizione sicuramente non lo farà sentire meglio.
  2. Se mettete il ​​bebè a terra, sdraiatevi con lui. Parlategli o cantate in modo che sappia che siete al suo fianco. Questo vi farà sentire più sicuri.
  3. Se al bambino non piace stare sul pavimento, iniziate tenendolo a pancia in giù tra le braccia. Oppure sdraiatevi e appoggiate il bambino sul petto a pancia in giù, così il piccolo si abituerà gradualmente. Mentre siete in questa posizione potete anche provare a posizionarlo come se dovesse guardare sopra la vostra spalla.
  4. Un'altra posizione per tenerlo a pancia in giù è la seguente: quasi come se fosse un pallone da rugby. Appoggiate il bebè con la pancia sull'avambraccio e usate l'altro braccio per un supporto extra. Una volta che il bambino si è abituato ad essere tenuto in questo modo, provate a metterlo a pancia in giù sul pavimento per un po'.
  5. Cercate di includere momenti di gioco a pancia in giù nella routine quotidiana del bambino. Se lo mettete sulla pancia dopo ogni cambio di pannolino o ogni volta che si sveglia da un pisolino, il bebè si abituerà a questa routine. L'obiettivo è aumentare gradualmente il tempo fino a raggiungere un totale di un'ora al giorno entro i 3 mesi di età del bambino. Non dovreste metterlo sulla pancia per un'ora alla volta, ma piuttosto distribuire il tempo su vari e brevi intervalli durante il giorno.

Il bambino ha il reflusso, come posizionarlo a pancia in giù?

Se il piccolo ha il reflusso gastrico, stare a pancia in giù potrebbe essere scomodo e potrebbe indurgli il vomito

Per risolvere il problema, cercate di non metterlo in questa posizione subito dopo che ha mangiato. A nessuno piace sdraiarsi a pancia in giù con lo stomaco pieno.

Potete anche provare a metterlo a pancia in giù, ma leggermente inclinato. Tenetelo nella posizione della palla da rugby sull'avambraccio. Ciò manterrà il corpo, come già detto, leggermente inclinato: ciò gli impedirà di vomitare il latte. Coprite il vostro braccio con un panno o un asciugamano, per ogni evenienza.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli