Home Neonato Cura e salute

Epatite neonatale: sintomi, cause e cosa fare

di Francesca Capriati - 12.12.2022 - Scrivici

epatite-neonatale
Fonte: shutterstock
Epatite neonatale: quali sono i sintomi di problemi al fegato nel neonato. Come si contrae l'epatite pediatrica, come si manifesta e qual è il trattamento

In questo articolo

Epatite neonatale

L'epatite neonatale è un'infiammazione a carico del fegato che colpisce i bambini nei primi due mesi di vita. Per epatite ci si riferisce ad una qualsiasi infiammazione, non necessariamente di natura virale, anche se spesso la causa è un virus trasmesso prima della nascita o subito dopo.

Epatite nel neonato, i sintomi

Come capire se un neonato ha problemi al fegato? Un bambino con epatite neonatale solitamente ha l'ittero (occhi e pelle gialli), può avere fegato e milza ingrossati e non riesce ad assorbire le vitamine per una corretta crescita.

E' importante sapere che l'epatite neonatale in molti casi non da alcun sintomo: l'infezione resta in circolo e con il tempo può causare danni al fegato, come una cirrosi. Per questo se l'ittero dura per due settimane il medico prescriverà esami specifici come il dosaggio degli enzimi epatici e i fattori della coagulazione. Un'ecografia permetterà di valutare lo stato dell'organo e può rendersi necessaria una biopsia epatica per fare una diagnosi precisa e tempestiva.

Le cause dell'epatite neonatale

L'epatite neonatale ha numerose possibili cause: infettive, anatomiche/strutturali, metaboliche, genetiche, neoplastiche, vascolari, tossiche, immunitarie e idiopatiche.

Circa il 20% dei neonati con epatite neonatale è stato infettato da un virus (come citomegalovirus, rosolia, epatite A , B o C) prima della nascita - quindi da parte della madre - o poco dopo la nascita. Nel restante 80% dei casi, non può essere individuato nessun virus specifico anche se si ritiene che a causa sia sempre di natura virale.

Viene definito ittero una colorazione gialla della pelle e della sclera (la parte bianca degli occhi). 

E' causata dall'accumulo di bilirubina, una sostanza che deriva dal metabolismo dell'emoglobina contenuta nei globuli rossi.

Va detto che l'ittero è una condizione molto comune nei neonati (ittero fisiologico) ed è causato dall'immaturità del fegato che non riesce ad eliminare la bilirubina.

Ovviamente ulteriori esami potranno stabilire se non sia, invece, il segnale di una malattia del fegato.

Atresia biliare

I sintomi dell'epatite neonatale sono simili a quelli dell'atresia biliare, una condizione per la quale i dotti biliari vengono distrutti per ragioni che non sono ancora chiare.

I sintomi dell'atresia biliare sono ittero e ingrossamento del fegato, ma ciò che la distingue dall'epatite è che il bambino cresce bene e non presenta un ingrossamento della milza. 

Come si cura l'epatite neonatale

Non esiste ad oggi una cura definitiva per l'epatite neonatale. Vengono somministrate vitamine e farmaci che aiutano il fegato ad espellere la bile. In alcuni casi, come quelli provocati dall'epatite A, la guarigione avviene spontaneamente nel giro di alcuni mesi, mentre in caso di epatite C o epatite B è facile che si sviluppi una malattia epatica cronica. Nei casi più gravi può rendersi necessario il trapianto di fegato. 

Come si manifesta l'epatite nei bambiniI sintomi da non sottovalutare sono:

  • Febbre
  • Stanchezza
  • Perdita di appetito
  • Nausea o vomito
  • Dolori addominali
  • Urina scura
  • Ittero (ingiallimento degli occhi o della pelle).

Quali sono le cause dell'epatite nei bambini?

I due tipi di epatite più comuni nei bambini sono:

  • Epatite tossica: causata dall'esposizione ad alcoo o sostanze tossiche;
  • Epatite virale: causata dal virus dell'epatite A (HAV), dal virus dell'epatite B (HBV) o dal virus dell'epatite C (HCV).

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli