VACCINI

Ho letto che le vaccinazioni sono pericolose: è vero?

pha-091108
01 Giugno 2015
Le vaccinazioni sono la principale misura preventiva nei confronti di malattie che potrebbero causare danni anche irreversibili. Nonostante continui a circolare la credenza che alcune vaccinazioni possano provocare l'autismo, ad esempio, non è mai stata dimostrata scientificamente alcuna relazione tra le due cose.
Facebook Twitter Google Plus More

Le vaccinazioni sono la principale misura preventiva nei confronti di malattie che potrebbero causare danni anche irreversibili. Nonostante continui a circolare la credenza che alcune vaccinazioni possano provocare l'autismo, ad esempio, non è mai stata dimostrata scientificamente alcuna relazione tra le due cose. L'ipotesi era stata sollevata da una ricerca inglese pubblicata nel 1998 dall'autorevole rivista The Lancet. Dopo vari altri studi, nessuno dei quali confermò l'ipotesi, la rivista ha ritirato l'articolo nel 2010 e l'autore della ricerca, Andrew Wakefield, è stato radiato dall'Ordine dei medici per aver falsificato i dati.

 

La Comunità scientifica internazionale dei pediatri continua a raccomandare fortemente le vaccinazioni, chiedendo ai genitori di aderire in modo consapevole al calendario vaccinale, nella certezza che scegliere la vaccinazione sia la miglior tutela della salute di un bambino. È vero comunque che un bambino non vaccinato, inserito in una comunità di piccoli in gran parte vaccinati avrà la fortuna di godere di quella che i pediatri chiamano “immunizzazione di gregge”: può cioè non ammalarsi in quanto protetto dall'immunizzazione dei compagni. Questo è molto importante anche per quei bambini che, per malattie proprie, congenite o acquisite (per esempio tumori), non possono essere vaccinati. Vaccinare un bambino sano è dunque anche una forma di solidarietà verso i piccoli che non possono esserlo. 

 

#Non è vero che la presenza di tosse e raffreddore rende inopportuno rimandare la vaccinazione, che va posticipata in caso di febbre alta. Meglio comunque sentire il pediatra.

 

(Consulenza della Società italiana delle Cure Primarie Pediatriche)

 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: