GAMBE E PIEDI

Il bambino ha le gambe inarcate: che cosa significa?

Di Valentina D'Andrea
b7j5yb.600
23 marzo 2015
Fino ai 18-24 mesi di vita le gambe del bambino possono essere arcuate. Il fenomeno è fisiologico, cioè assolutamente naturale e destinato a risolversi in modo spontaneo intorno ai 2 anni. Da questa età in poi le gambe possono, al contrario, diventare a X: ginocchia e cosce si toccano, mentre le due parti inferiori rimangono distanziate.

Fino ai 18-24 mesi di vita le gambe del bambino possono essere arcuate. Il fenomeno è fisiologico, cioè assolutamente naturale e destinato a risolversi in modo spontaneo intorno ai 2 anni. Da questa età in poi le gambe possono, al contrario, diventare a X: ginocchia e cosce si toccano, mentre le due parti inferiori rimangono distanziate. A mano a mano che il bambino acquisisce una buona postura e una camminata sempre più sicura, le gambe tendono a raggiungere una conformazione più armonica.

 

Bisogna però fare i conti anche con la genetica: un bambino che ha uno o entrambi i genitori con le gambe non dritte ha grandi probabilità di ereditare questa stessa caratteristica. L’ortopedico andrebbe consultato, su suggerimento del pediatra di famiglia, se dopo i due anni di età alle gambe ancora marcatamente storte dovesse associarsi una deambulazione ancora molto incerta.

 

#Non è vero che chi ha le gambe storte da piccolissimo conserva questa caratteristica anche in età adulta. La conformazione delle gambe è influenzata dalla genetica e prescinde da quanto è accentuata l’inarcatura fisiologica dei primi due anni di vita.

 

(Consulenza della Società italiana delle Cure Primarie Pediatriche)