Home Neonato Cura e salute

Il neonato gira la testa solo da una parte: quando preoccuparsi?

di Francesca Capriati - 18.02.2022 - Scrivici

neonato-gira-la-testa-solo-da-una-parte
Fonte: shutterstock
Neonato gira la testa solo da una parte: le cause e quando preoccuparsi. Cos'è il torcicollo miogeno e la compromissione del muscolo sternocleidomastoideo

Neonato gira la testa solo da una parte

A volte capita di notare che il bambino tiene la testa girata sempre dallo stesso lato ed è restio a girare il collo dalla parte opposta. Perché accade e quando dobbiamo preoccuparci se il neonato gira la testa solo da una parte?

In questo articolo

Le cause

Alcuni bambini tendono ad inclinare la testa sempre dallo stesso lato, magari quando sono sdraiati o vengono tenuti in braccio. Se ciò accade occasionalmente potrebbe essere solo un'abitudine che non deve destare preoccupazione: va solo corretta gradualmente per evitare che si crei uno schiacciamento dal lato della testa che viene poggiata più spesso.

Se, invece, ci accorgiamo che sia in posizione sdraiata che quando è in braccio, il bambino gira la testa solo da un lato e sembra essere incapace di girarla dall'altra parte dovremmo sottoporre la questione al pediatra. Una visita dissiperà ogni dubbio.

Sono tre le principali cause di questo comportamento:

  • torcicollo infantile (torcicollo miogeno);
  • torcicollo acquisito;
  • Sindrome di Klippel-Feil.

Torcicollo miogeno

Si tratta di un'anomalia congenita causata da una compromissione del muscolo sternocleidomastoideo, quello che garantisce la corretta inclinazione della testa verso il basso, in età uterina. Cosa accade? Si verifica una sorta di nodo delle fibre muscolari che fa si che il muscolo sia più corto da un lato rispetto all'altro e ovviamente fa inclinare la testa nella direzione del muscolo corto. Il torcicollo congenito è più frequente nei bambini nati podalici perché la compromissione del muscolo sternocleidomastoideo è provocata dallo spazio angusto dell'utero e dalla posizione del feto. In genere questo problema viene diagnosticato nelle prime settimane di vita perché il pediatra noterà una sorta di nodulo sul collo, nel lato corto.

Torcicollo acquisito

Questa forma di torcicollo è spesso il risultato di un parto difficile, ma può essere trattato in modo efficace.

Sindrome di Klippel-Feil

Si tratta di una malattia rara che interessa un neonato su 40mila in tutto il mondo. Le difficoltà a muovere il collo sono provocate dalla fusione di due o più vertebre cervicali. Si tratta di una condizione caratterizzata anche da altri segni fisici (come un'attaccatura dei capelli particolarmente bassa o un collo molto corto).

Quando preoccuparsi

Non sempre il torcicollo acquisito viene diagnosticato rapidamente e alcuni segnali possono farci insospettire, soprattutto quando il bambino comincia ad acquisire maggiore controllo del collo e della testa.

  • Il bambino comincia a sviluppare una plagiocefalia, quindi la testa piatta, da un alto della faccia o della testa (ciò accade perché mette la testa sempre nella stessa posizione);
  • il bambino inclina la testa da un lato e tiene il mento verso il lato opposto;
  • il bambino non riesce a girare la testa da una parte all'altra;
  • notiamo la presenza di un nodulo su un lato del collo.

Rimedi e consigli

I rimedi dipendono dal tipo di torcicollo che dobbiamo risolvere.

Il trattamento è lo stesso sia per il torcicollo congenito che per quello acquisito e consiste in una serie di semplici esercizi di stretching che servono ma non sempre è facile per i genitori eseguirli per paura di far male al bambino o di non essere all'altezza. Per questo in genere il pediatra prescrive una serie di sedute da un fisioterapista pediatrico specializzato.

In genere una volta iniziati il trattamento e gli esercizi di stretching, la maggior parte dei bambini migliora entro 6 mesi.

Possiamo anche fare altre cose, a casa, per stimolare il bambino a muovere il collo anche dal lato corto:

  • mettere dei giochini dal lato in cui non si gira;
  • fare dei piccoli esercizi con la testa per abituare il bambino a girare il collo;
  • se il pediatra lo consiglia, mettere il bambino a pancia in giù per consentire il rafforzamento dei muscoli del collo (il cosidetto Tummy Time).

Per la maggior parte dei bambini, il torcicollo non è doloroso ma deve essere trattato precocemente per prevenire eventuali problemi a lungo termine come, ad esempio:

  1. minore controllo della testa,
  2. ritardo nel camminare,
  3. scarso equilibrio,
  4. problemi di alimentazione.

Fonti

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli