Home Neonato Cura e salute

La sterilizzazione a freddo di ciuccio o biberon

di Lorenza Laudi - 20.09.2022 - Scrivici

sterilizzare
Fonte: shutterstock
Come funziona la sterilizzazione a freddo di ciuccio o biberon? Come curare l'igiene degli oggetti che usa un neonato? Ecco i vari metodi

Sterilizzazione a freddo

Quando in casa c'è un neonato, l'igiene è fondamentale. Soprattutto nei primi mesi di vita i lattanti sono delicati e può aumentare il rischio di infezioni. Sono due i metodi per sterilizzare il ciuccio, il biberon o alcune parti del tiralatte:

  • sterilizzazione a caldo (elettrico, tramite ebollizione o tramite vapore)
  • sterilizzazione a freddo

Oggi approfondiremo la sterilizzazione a freddo.

Sterilizzazione a freddo: in che cosa consiste

La sterilizzazione a freddo è un metodo basato sull'azione di una sostanza chimica che distrugge i germi. In una bacinella si aggiunge acqua più il liquido per sterilizzare (di solito è cloro) nelle giuste proporzioni indicate dal produttore. Si lascia il tutto dai 30 ai 90 minuti (dipende dal prodotto utilizzato) e si può utilizzare ciuccio o biberon anche senza risciacquo.

Questa soluzione di acqua e liquido per sterilizzare mantiene intatte le proprietà per un giorno intero, quindi può essere riutilizzata più volte. Dopo 24 ore va cambiata.

Si possono anche usare salviette sterilizzanti.

Sterilizzazione a caldo: come avviene

La sterilizzazione a caldo può avvenire tramite:

  • bollitura
  • vapore (con microonde o con apparecchi elettronici)

Tramite bollitura si mettono ciuccio, biberon (smontato) o parti di tiralatte che si possono sterilizzare in una pentola d'acqua, chiusa con un coperchio. L'acqua va portata ad ebollizione per circa 20 minuti.

Bisogna poi manipolare gli oggetti sterilizzati con pinze apposite e farli asciugare prima dell'utilizzo.

Per vapore si possono mettere gli oggetti da sterilizzare nel microonde in un contenitore apposito per la sterilizzazione, con la quantità d'acqua corretta e il tempo suggerito dalla casa produttrice (di solito 3 o 4 minuti).  

Lo stesso vale per gli apparecchi elettronici per la sterilizzazione: occorre seguire le indicazioni della casa produttrice dell'apparecchio.

Fino a quando sterilizzare?

Soprattutto se l'allattamento è artificiale, è importante garantire sempre un elevato livello di igiene di biberon e tiralatte lavando adeguatamente.

Prima di tutto occorre lavare con acqua calda, detersivo e spazzola, per rimuovere ogni resido di latte. Poi si risciacqua abbondantemente.   

Si passa poi alla sterilizzazione (a caldo o a freddo), che diventa non più necessaria dopo i quattro mesi di vita circa, quando il bambino inizia a portare mani e oggetti in bocca.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli