TESTA

Il neonato 'si incanta' a guardare le cose: a che pensa?

f0112830-baby_girl_lying_in_bed-spl
05 Febbraio 2015
Attraverso lo sguardo (e l’ascolto dei suoni) il neonato acquisisce a poco a poco esperienza e comprensione del mondo che lo circonda. 
Facebook Twitter More

GUARDA IL VIDEO: 

 

 

Attraverso lo sguardo (e l’ascolto dei suoni) il neonato acquisisce a poco a poco esperienza e comprensione del mondo che lo circonda. Dalle prime settimane di vita comincia a distinguere prima il volto e poi gli oggetti e il suo interesse per quello che vede diventa progressivamente più vivo e più grande. La capacità di concentrarsi su una voce o su un oggetto e, più in generale, di prestare attenzione a quanto si svolge intorno a lui gli permette di arricchire progressivamente il suo bagaglio di informazioni.

 

Assorto nei suoi pensieri, documentati da studi condotti sull’attività cerebrale dei piccolissimi, il bambino sostiene e asseconda i processi di apprendimento, diventando ogni giorno più abile anche sotto il profilo della socialità. A questo proposito, a partire dal mese di vita inizia a capire le dinamiche della conversazione e a imitarle, aprendo e chiudendo la bocca quando qualcuno gli parla a poca distanza dal viso.

 

#Non è vero che per favorire la sua capacità di concentrazione conviene stare il più possibile in silenzio quando si è con lui. Parlargli, cantargli una canzoncina, recitargli una filastrocca è comunque il modo migliore per favorire i processi di socializzazione e di apprendimento.

 

 

 

 

(Consulenza della Società italiana delle Cure Primarie Pediatriche