Home Neonato Cura e salute

Ombelico neonato, fino a quando lo avrà fuori?

di Sara De Giorgi - 03.08.2021 - Scrivici

ombelico-del-neonato
Fonte: Shutterstock
L'ernia ombelicale è una condizione che interessa il 20 per cento dei neonati, ma non è problematica. Molti genitori si chiedono però fino a quando il bambino avrà l'ombelico fuori. Facciamo maggiore chiarezza al riguardo.

L'ernia ombelicale può interessare circa il 20 per cento dei neonati. Si tratta generalmente di una condizione non problematica e che tende a risolversi spontaneamente entro i 18 mesi del bebè. Scopriamo di più al riguardo.  

In questo articolo

Ernia ombelicale del neonato, cos'è

Circa il 20% dei neonati ha un'ernia ombelicale. Si tratta di un rigonfiamento causato dal cordone ombelicale nell'addome del bambino. Specificamente, è l'ernia (protrusione) di un sacco erniario che contiene i visceri addominali o, più frequentemente, il grasso omentale (una sorta di grembiule sieroso che ricopre tutti gli organi dell'addome) attraverso un difetto dell'anello ombelicale.

Dopo la nascita, quando il cordone ombelicale guarisce e cade, l'apertura dell'addome solitamente si chiude spontaneamente.

Potrebbe accadere che l'apertura non si chiuda e potreste notare che il bebè ha un ombelico sporgente, specialmente quando si verifica un aumento della pressione addominale come, ad esempio, durante i movimenti intestinali o durante il pianto. Nonostante ciò, sebbene possa fare impressione alla vista, l'ernia di solito non causa problemi, purché il bambino sia a suo agio e l'area non sia "molle" o estremamente gonfia.

Ernia ombelicale del neonato, fino a quando resta?

È opportuno ricordare che, finché il rigonfiamento è morbido e comprimibile e non causa alcun disagio al bambino, l'ernia ombelicale non è assolutamente problematica.

Inoltre, queste ernie solitamente scompaiono dai 12 ai 18 mesi e raramente è necessario un intervento chirurgico per chiudere il foro.

Ernia ombelicale del neonato, quando preoccuparsi

Se notate gonfiore, indolenzimento o scolorimento intorno all'area ombelicale nel bebè, contattate immediatamente il medico.

In casi molto rari, un pezzo di intestino del bambino può impigliarsi nell'apertura, interrompendo il flusso sanguigno nell'area e richiedendo così un intervento chirurgico immediato. Anche vomito e costipazione possono essere sintomi di questo problema.

Ernia ombelicale, cure

Come anticipato, la maggior parte delle ernie ombelicali ha una progressiva risoluzione spontanea, che avviene soprattutto quando il bambino inizia a camminare e grazie allo sviluppo dei muscoli retti dell'addome.

L'eventuale intervento chirurgico è consigliato solamente dopo i 4-5 anni d'età ed è eseguito in pazienti di età inferiore solamente se il difetto risulta essere di dimensioni cospicue o se si evidenziano delle complicanze (molto rare).

È fortemente consigliato eseguire la correzione chirurgica nelle bambine, per le quali la persistenza di un difetto anche piccolo potrebbe creare problemi durante una futura gravidanza. Mentre, per i bambini di sesso maschile l'indicazione chirurgica è soltanto di carattere estetico.

L'intervento chirurgico prevede una piccola incisione intorno all'ombelico per isolare il difetto della parete addominale, la cui chiusura viene praticata solo tramite l'ausilio di suture chirurgiche e senza apposizione di materiale protesico.

La ferita cutanea è chiusa con punti riassorbibili, con un buon risultato estetico. Il piccolo paziente è dimesso poche ore dopo la procedura chirurgica e il dolore post-operatorio viene controllato con farmaci antidolorifici orali.  

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli