Home Neonato Cura e salute

Cosa fare se un bambino appena nato ha le orecchie a sventola

di Elena Berti - 29.06.2022 - Scrivici

orecchie-a-sventola-neonato
Fonte: Shutterstock
Orecchie a sventola neonato: come fare per capire se sono temporanee o no, è utile usare le fasce? Quando serve l'intervento e così il metodo Auri?

Orecchie a sventola neonato

Quando si aspetta un bambino si fantastica molto sul suo aspetto ancor prima che sul suo carattere: come sarà? A chi somiglierà? Di che colore saranno i suoi occhi? La sorpresa è ovviamente dietro l'angolo, e anche se si dice che i bambini sono tutti bellissimi, alcuni "difetti" sono visibili agli occhi di tutti. Le orecchie a sventola neonato, per esempio, potrebbero sembrare antiestetiche a mamma e papà. Cosa fare quindi se il proprio figlio le ha?

In questo articolo

Orecchie a sventola o sproporzione?

Molti neonati hanno le orecchie a sventola quando vengono al mondo, ma questo non significa che le avranno per sempre. È normale, infatti, che un bambino appena nato abbia numerosi "difetti" (se proprio così vogliamo chiamarli), perché è ancora in via di sviluppo. Solo a partire dai 2-3 anni si inizia a intravedere come sarà veramente il piccolo, ma in realtà la crescita e il cambiamento continuano fino alla pubertà.

Quindi, in alcuni casi le orecchie a sventola neonato non sono un difetto vero e proprio ma altro, come una sproporzione tra dimensione delle orecchie (molto grandi) e dimensione della testa (più piccola), oppure sono causate da una posizione che era stata assunta durante il parto.  

Le orecchie a sventola vanno corrette?

I genitori tendono a proteggere i figli da ogni delusione e se possono evitare loro prese in giro o complessi fanno qualsiasi cosa. Le orecchie a sventola neonato non sono un problema, ma potrebbero esserlo, purtroppo, crescendo, perché potrebbero causare complessi o rappresentare un motivo per essere derisi dagli altri. Anche se dobbiamo combattere per far sì che i nostri figli si amino e si facciano rispettare per come sono, questo sentimento di protezione è del tutto naturale.  

Correggere le orecchie a sventola neonato può quindi venire spontaneo, ma attenzione: non bisogna tentare metodi della nonna.

Per esempio, evitate di utilizzare fasce o altri sistemi di ritenzione, soprattutto perché sono fastidiosi, in particolare per i bambini molto piccoli. Come abbiamo detto, il difetto potrebbe scomparire da solo nel giro dei primi anni. Prestate invece attenzione a come dorme il bambino: è importante che l'orecchio non sia piegato!

Cosa fare se il bambino ha le orecchie a sventola

Mentre coi neonati è meglio non fare niente e aspettare, via via che i bambini crescono ci si può fare un'idea più precisa di come saranno le orecchie. Quelle a sventola solitamente hanno i padiglioni molto ampi e staccati dal cranio, spesso particolarmente concavi.  

Sarà il pediatra a valutare nel tempo se effettivamente il difetto è definitivo e se necessita di un intervento di qualche tipo. Le orecchie a sventola neonato possono essere corrette, nei primissimi anni di vita (fino ai 4 anni circa) col cosiddetto metodo Auri, che consiste nell'applicare una specie di pinzetta la notte e un cerotto di giorno. Per affidarsi al metodo Auri è necessario comprare l'apposito materiale, che potete acquistare in farmacia oppure online.  

Se invece il problema non si risolve o è molto importante, gli esperti consigliano invece di attendere almeno i dieci anni di vita prima di sottoporre il bambino a qualsiasi intervento correttivo, e di farlo soltanto se le orecchie a sventola sfociano veramente in un complesso difficile da sopportare.  

Le orecchie a sventola neonato sono comunque molto comuni e la stragrande maggioranza delle volte non si tratta di un difetto ma di una normale condizione dovuta alla gestazione o alle sproporzioni del corpo, e si risolve spontaneamente. Non è necessario mettere fasce, paraorecchie o altri rimedi, ma solo fare attenzione che quando il bebè dorme le orecchie siano distese. Se invece negli anni il difetto persiste, andrà valutato anche in base al disagio provato dal bambino stesso.

 

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli