Nostrofiglio

BRACCIA E MANI

Perché il neonato ha le mani fredde?

09_segnali_allattamento

26 Gennaio 2015 | Aggiornato il 10 Ottobre 2016
Nei primi mesi di vita i bebè hanno sempre le mani fresche, cioè meno calde del resto del corpo. Non ci si deve preoccupare se il colorito del resto del corpo è roseo e il bambino non manifesta altri sintomi, come pallore e pianto lamentoso. In questo caso occorre contattare il pediatra.

Facebook Twitter Google Plus More

Nei primi mesi di vita i bebè hanno sempre le mani fresche, cioè meno calde del resto del corpo. Non ci si deve preoccupare se il colorito del resto del corpo è roseo e il bambino non manifesta altri sintomi, come pallore e pianto lamentoso. In questo caso occorre contattare il pediatra.

 

In mancanza di altri segnali, il fenomeno delle mani fredde non deve preoccupare perché dipende dalla circolazione del sangue a livello periferico, non ancora del tutto efficiente. La situazione si risolve a mano a mano che il piccolo cresce. Bisogna però anche prendere in considerazione la possibilità che il bambino abbia freddo, perché magari la temperatura esterna è oggettivamente bassa e lui è troppo poco coperto.

 

Il buon senso in questo caso aiuta: se all’esterno ci sono 15 gradi e il bimbo indossa solo una tutina è possibile che le sue mani fredde segnalino che è opportuno coprirlo di più. Senza comunque esagerare, perché il troppo caldo produce disagio al bambino quanto il freddo. Per regolarsi può essere d’aiuto sia infilare un dito sotto la tutina per percepire il tepore del corpo sia guardare il colorito del volto, che, se tutto va bene, è rosato.

 

#Non è vero che il benessere del bebè è garantito quando la temperatura della stanza in cui dorme è di almeno 24 gradi. La temperatura ideale è attorno ai 20 gradi.

 

(Consulenza della Società italiana delle Cure Primarie Pediatriche

 

GUARDA IL VIDEO: