PANCIA

Perché l'ombelico del neonato non è ancora cicatrizzato?

e16-121768
03 Giugno 2015
Dopo la nascita, l’ombelico non ha ancora l’aspetto che acquisirà più avanti in quanto vi rimane attaccato un pezzo del cordone (detto funicolo ombelicale) che collegava il bambino alla placenta. 
Facebook Twitter More

Dopo la nascita, l’ombelico non ha ancora l’aspetto che acquisirà più avanti in quanto vi rimane attaccato un pezzo del cordone (detto funicolo ombelicale) che collegava il bambino alla placenta. Per la caduta del moncone bisogna attendere in media circa 10-14 giorni, ma ci sono bambini in cui si stacca più tardi e altri invece in cui accade molto prima. Non bisogna comunque avere fretta, né preoccuparsi perché la sua caduta è un processo naturale e spontaneo destinato a verificarsi senza che vi sia bisogno di intervenire in alcun modo.

 

Fino a quando il moncone non è caduto e l’ombelico non si è cicatrizzato si deve avere cura di non lasciare la zona umida e generalmente si consiglia di fare una doccetta anziché il bagnetto a immersione. Dopo la doccia, che si può fare anche ogni giorno, si deve tamponare bene con un panno pulito e morbido, quindi intorno al moncone si può avvolgerei una garza sterile, da fissare con l’apposita retina ombelicale. Se la zona dovesse arrossarsi e diventare calda o se dovessero comparire secrezioni giallastre bisogna pensare a un’infezione che va tempestivamente sottoposta all’attenzione del pediatra.

 

#Non è vero che occorre disinfettare la zona ogni giorno con l’alcol, come era consuetudine fare un passato. Si è visto che una simile procedura può ritardare la cicatrizzazione, senza peraltro rivestire una vera utilità per prevenire le infezioni.

 

(Consulenza della Società italiana delle Cure Primarie Pediatriche)

 

GUARDA IL VIDEO: