Salute

Sangue nelle feci del neonato

neonato-piedini
22 Ottobre 2013
Le feci del neonato hanno striature rosse. Che cosa significa? Bisogna preoccuparsi? Può capitare di trovare striature rosse nelle feci del neonato: nella maggioranza dei casi non è nulla di preoccupante.
Facebook Twitter Google Plus More

Può capitare di trovare striature rosse nelle feci del neonato: nella maggioranza dei casi non è nulla di preoccupante, se non il segnale di un’evacuazione più ‘faticosa’. Ecco il significato della colorazione rossa o di altre colorazioni delle feci del neonato.

Feci del neonato con striature rosse

Può essere colpa di una ragade…

Se insieme alle feci si vedono piccole striature di sangue, la causa più frequente possono essere piccole ragadi o escoriazioni della mucosa anale, dovute all’espulsione di feci più dure; la mamma stessa o il pediatra possono averne facilmente conferma perché sono ben visibili attorno all’ano. In tal caso, basta adottare degli accorgimenti di tipo alimentare per evitare la stitichezza e rendere le feci più morbide. Nel frattempo, per lenire il fastidio, si possono applicare pomate cicatrizzanti, ad esempio a base di fitostimoline, oppure un po’ di pomata all’ossido di zinco che ha la funzione di proteggere la pelle al passaggio delle feci. (Leggi anche "stitichezza nel neonato"

… oppure di una colite allergica.

Se non sono visibili ‘taglietti’ attorno all’ano, potrebbe trattarsi di una colite allergica dovuta ad allergia alle proteine del latte vaccino, che induce un’infiammazione del colon, producendo piccole erosioni della mucosa. È un fenomeno che può interessare sia il bambino allattato al biberon che quello allattato al seno. “Nel primo caso, bisogna praticare una dieta priva di proteine del latte vaccino, offrendo al bebè formule specifiche” spiega Arrigo Barabino, primario di gastroenterologia pediatrica presso Ospedale Gaslini di Genova; “nel secondo, la mamma che allatta deve evitare di assumere alimenti che contengano tali proteine, perché, anche se in piccola quantità, possono passare nel latte”.

La diagnosi della colite allergica può essere clinica o basata su esami di laboratorio; solo se il quadro non è chiaro, potrebbe essere necessaria una rettoscopia. In ogni caso sono situazioni benigne che guariscono del tutto eliminando la causa.

Infine, a far assumere alle feci un colore rossastro potrebbero anche essere alcuni alimenti, come barbabietole rosse, pomodoro, fragole, bevande o sciroppi rossi.

 

LEGGI ANCHE: FECI DEL NEONATO, SE NE VEDONO DI TUTTI I COLORI

 

 

Feci del neonato di colore giallo vivo

E’ il colore tipico delle feci dei neonati allattati al seno, che si presentano di consistenza molto morbida e con piccoli grumi biancastri; se il bambino è allattato al biberon invece le feci assumono un colore più scuro, tendente al marrone, che diventa di un marrone più deciso quando si incominciano ad assumere cibi solidi.

 

Feci di color verdastro

Se la consistenza delle feci ed il numero di evacuazioni sono nella norma, feci verdastre non hanno alcun significato clinico; “se invece si associano a diarrea, potrebbero essere il segnale di una gastroenterite acuta, in cui si verifica un rapido passaggio della bile” sottolinea il gastroenterologo. Nei bambini già svezzati, anche un pasto particolarmente ricco di alimenti verdi, come gli spinaci, può determinare tale colorazione.

 

Feci con piccoli residui di cibo

E’ un evento abbastanza frequente ed intorno all’anno di età è da considerarsi parafisiologico: nel pannolino si vedono piccoli pezzetti di alimenti indigeriti, tipo piselli e carote (non per niente il fenomeno passa comunemente sotto il nome di diarrea del pisello e della carota o diarrea cronica aspecifica), mentre la consistenza è più molle e con un po’ di muco. “I residui sono fibre che non possono essere digerite dall’uomo e che normalmente vengono attaccate dai batteri presenti nel colon per poi essere smaltite” evidenzia il prof. Barabino: “se compaiono nelle feci vuol dire che c’è stato un accelerato transito nel colon, che non ha dato ai batteri il tempo di svolgere il loro lavoro. Non è un segnale patologico e non occorre alcun tipo di intervento”.

 

Feci biancastre

E’ un fenomeno che può capitare nei primi giorni di vita e può essere il segnale di un problema alle vie biliari. Di solito si accompagna ad un colorito giallo della pelle (ittero). Se si verifica, è opportuno far vedere il bambino dal pediatra.

 

Feci nere

Feci di colore nerastro possono essere evidenti dopo l’assunzione di ferro o di particolari verdure. Se però il colore è marcatamente nero è opportuno fare un controllo pediatrico in quanto potrebbe essere spia della presenza di sangue digerito (melena).

 

Feci con muco

Il muco è normalmente prodotto dal colon per espletare le sue funzioni fisiologiche, terminate le quali viene riassorbito. In alcuni casi però può capitare che ne ‘scappi’ un po’: niente di preoccupante, sono fenomeni passeggeri di nessuna importanza

Leggi anche:

 

 

Vai alla sezione Neonato