Home Neonato Cura e salute

Vermi nelle feci del bambino: cosa fare?

di Sveva Galassi - 17.08.2020 - Scrivici

bambino-contrariato
Fonte: shutterstock
Gli ossiuri sono dei microorganismi parassiti che causano nei bambini prurito persistente nella zona anale e, nel caso delle bambine, anche in quella vulvare. Come si curano e come riconoscerli.

Gli ossiuri nei bambini - i  cosiddetti vermi - provocano un prurito persistente nella zona anale e, nel caso delle bambine, anche in quella vulvare. Spesso tutto ciò è accompagnato da dolore addominale e da un senso di fastidio. Scopriamo di più al riguardo.

In questo articolo

Ossiuri nei bambini, cosa sono

In particolare, gli ossiuri sono minuscoli animali filiformi appartenenti al gruppo dei nematodi. Non lunghi più di un centimentri, sono biancastri e molto sottili. E' difficile vederli a occhio chiuso.

Secondo le stime, in Italia il 25%-50% di bambini e adolescenti è colpito da ossiuri almeno una volta.

Si tratta di una percentuale altissima, causata dalla grande diffusione di questi vermi nell'ambiente e dalla facilità di trasmissione. Le condizioni igieniche non c'entrano: avere i vermi non significa essere sporchi o vivere in situazioni precarie.

I vermi sono molto presenti nell'ambiente, nel quale vengono dispersi o da animali domestici o da persone infette. Ci si contagia semplicemente ingerendo casualmente le uova di questi organismi. Basta toccare una superficie infetta, portare le mani alla bocca e purtroppo è fatta.

Ossiuri, come riconoscerli

I sintomi degli ossiuri sono i seguenti: 

  • prurito,
  • mal di pancia,
  • sensazione di agitazione e fastidio,
  • difficoltà a dormire bene.

Nella maggior parte dei casi i vermi sono invisibili, ma è difficile non accorgersi che il bambino ha gli ossiuri. Evidente è il sintomo del prurito, soprattutto se dura più di due giorni: il bambino si gratta spesso il sederino e le bambine si grattano anche la zona valvare. 

Può accadere anche che al prurito si aggiungano altri sintomi meno specifici, tra cui il mal di pancia, una sensazione di agitazione e fastidio, la difficoltà a dormire.

E' opportuno sapere che, al di là del fastidio, che è comunque presente e può essere notevole, l'infezione non procura conseguenze più significative.

Ossiuri, come si curano

La terapia per guarire il bambino dai vermi è semplice, ma occorre che sia eseguita nel modo corretto perché funzioni del tutto. A tal fine occorrono:

  • farmaco antiparassitario,
  • disinfestazione della casa.

Il farmaco antiparassitario deve essere preso per bocca in due differenti somministrazioni: una al momento della diagnosi e una quindici giorni dopo. Affinché la terapia sia efficace, devono farla negli stessi giorni non solo il bambino o i bambini colpiti, ma tutti i membri della famiglia, compresi i nonni se abitano in casa. 

Fondamentale è anche la disinfestazione della casa, che deve essere fatta subito dopo aver ingerito la prima pastiglia di farmaco: infatti, se si attende anche soltanto qualche giorno la terapia non funziona bene e si rischiano nuove infezioni.

Per la disinfestazione è necessario lavare in lavatrice a 60° C la biancheria intima, quella da letto (lenzuola, copripiumini, pigiami, ecc.) e quella da bagno e gettare le spugne eventuali adoperate per lavarsi.

Infine, è importante sapere che anche se l'infezione è stata eliminata, nel futuro potrebbe essere ripresa.

Domande e risposte

Vermi ossiuri: cosa sono? 

I vermi ossiuri sono dei parassiti intestinali, appartenenti al gruppo dei nematodi.

Ossiuri: come si contagiano i bambini? 

I bambini si contagiano ingerendo le uova di questi organismi: basta toccare una superficie infetta e portare le mani alla bocca.

Come si curano gli ossiuri nei bambini? 

La terapia per guarire il bambino dai vermi è semplice, ma è necessario che venga eseguita nel modo corretto. A tal fine occorrono un farmaco antiparassitario e la disinfestazione della casa.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli