Home Neonato Cura e salute

Vitamine e integratori in età prescolare e scolare

di Angela Bisceglia - 17.05.2013 - Scrivici

bambino_vitamine.180x120
Spesso gli integratori sono inutili: se il bambino infatti si alimenta in modo completo, con un apporto equilibrato di tutti gli alimenti, inclusi frutta e verdura, è ben difficile che vada incontro a carenze di vitamine o minerali. Potrebbero esserci però momenti in cui il suo organismo ha bisogno di un ‘aiutino’.

L’abitudine di chiedere al pediatra integratori di vitamine e minerali per i propri bambini è molto diffusa tra i genitori. Spesso però tali integratori sono inutili: se il bambino infatti si alimenta in modo completo, con un apporto equilibrato di tutti gli alimenti, inclusi frutta e verdura, è ben difficile che vada incontro a carenze di vitamine o minerali.

Potrebbero esserci però momenti in cui il suo organismo ha bisogno di un ‘aiutino’.

  • In età scolare Spesso durante il periodo scolastico i genitori riferiscono al pediatra che il bambino appare stanco e meno concentrato. In questo caso si potrebbe dare una supplementazione di complessi a base di ferro, zinco, vitamina B6, B12, acido folico. L’importante è non stabilire mai di propria iniziativa il tipo di integratore e il dosaggio, ma seguire sempre le indicazioni del pediatra: alcune sostanze, se assunte in quantità eccessive, non sono esenti da effetti collaterali!

Consulenza del prof. Gian Vincenzo Zuccotti, Direttore Clinica Pediatrica Università di Milano – Azienda Ospedaliera Luigi Sacco.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli