Parto record

Germania: Jasleen, la neonata che pesa 6 chili

jasleen-bambina-germania
31 Luglio 2013
Lo scorso 26 luglio, a Lipsia, in Germania, è nata Jasleen, bimba record di sei chili. La piccola è venuta al mondo senza dover ricorrere al taglio cesareo. La mamma è in buone condizioni di salute, mentre la bimba resta sotto osservazione. La causa del parto record? Probabilmente il diabete gestazionale.
Facebook Twitter More

57,5 centimetri. 6110 chili. E' la bimba più grande mai venuta al mondo in Germania. Pesante due volte tanto un normale neonato. Si chiama Jasleen ed è nata con parto naturale, ha riferito il Professor Holger Stepan, responsabile di Ostetricia della Clinica universitaria di Lipsia. Per l'occasione nell'Ospedale era stata assemblata una squadra per rispondere ad eventuali complicanze del parto.

La mamma di Jasleen è ricoverata in buone condizioni di salute. La piccola resta invece sotto osservazione nel reparto di terapia neonatale. Il motivo dell'elevato peso della piccola sarebbe un diabete gestazionale non diagnosticato alla donna.

Bimbi da record

La bimba dal peso record ha battuto in Germania il piccolo Jihad, un bimbo di 5,9 chili nato a Berlino nel 2001. Fa concorrenza a un altro bimbo nato lo scorso aprile alla clinica Mangiagalli di Milano. Una donna di 35 anni diede alla luce con parto cesareo un piccolo di ben 6 kg e 10 gr. Resta invece record il parto in Texas del "piccolo" Michael Brown. Il bimbo nacque di sette kg.

Le risposte ai dubbi sul diabete gestazionale

Quali rischi si corrono se il diabete gestazionale non viene curato? Se il diabete gestazionale non è controllato, il bambino potrebbe crescere più del dovuto e questo può causare problemi al momento della nascita, con il rischio di un parto difficile. Col passare degli anni, inoltre, il figlio tenderà ad avere problemi di obesità e ipertensione.

Se si ha il diabete gestazionale, è necessario partorire con il cesareo? No, non è un’indicazione assoluta.

Per saperne di più: Diabete gestazionale sotto controllo

Leggi anche: